menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lello Analfino durante il concerto di Capodanno

Lello Analfino durante il concerto di Capodanno

Lello Analfino: "Palermo è la città dell'accoglienza, io ci vivo"

Il frontman agrigentino del gruppo musicale dei Tinturia ieri sera si è esibito al Cep nel concerto di fine anno organizzato dal Comune in periferia: "L'omicidio degli scorsi giorni? Solo una minima parte della città è marcia"

"Palermo è la città dell'accoglienza, io ci vivo". Parole e musica, è il caso di dire, di Lello Analfino, frontman agrigentino del gruppo musicale dei Tinturia, che ieri sera si è esibito al Cep nel concerto di fine anno organizzato dal Comune in periferia. "La musica aiuta a travalicare tutte le barriere - dice Analfino parlando con i giornalisti -. Non mi piace parlare di periferie in una città come Palermo che è una città dell'accoglienza e la gente che vive in questi posti è accogliente in sé".

Capodanno 2020, la festa in piazza | Video

Ormai palermitano acquisito, la scorsa estate Lello Analfino ha scritto l'inno del Palermo insieme a Salvo Ficarra. "Solo una minima parte è marcia - dice ancora Analfino parlando dell'omicidio del carpentiere avvenuto pochi giorni fa -. Non mi sento di generalizzare in questi luoghi. Sono dispiaciuto per quello che è accaduto pochi giorni fa, ma può accadere ovunque". "Noi vogliamo portare un po' di divertimento alle persone che qui non vedono mai concerti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento