Cronaca Oreto-Stazione / Piazza Giulio Cesare

Comune, trasferiti i quattro dipendenti indagati per truffa

Lo ha stabilito il segretario generale Fabrizio Dall'Acqua applicando il regolamento anticorruzione. Al di là di come finirà la vicenda, le persone coinvolte si occuperanno di pianificazione e gestione del territorio

Comune, trasferiti i quattro dipendenti indagati per truffa (foto archivio)

Allontanati dall'ufficio Tributi, ora si occuperanno di territorio e ambiente. Prosegue l'inchiesta che vede coinvolti quattro dipendenti comunali indagati per truffa e millantato credito. A prenderne la decisione è stato il segretario generale Fabrizio Dall'Acqua, sulla base del regolamento anticorruzione, stabilendo il loro trasferimento in un altro settore dell'amministrazione, al di là di come finirà questa storia.

Così facendo all'Amministrazione si rifà alla norma-quadro nazionale sull'anticorruzione che prevede anche tali misure. La bufera all'ufficio Tributi è nata dopo l'esposto fatto in procura da un imprenditore che ha dato il via al blitz della polizia negli uffici di piazza Giulio Cesare. Secondo gli inquirenti potrebbero essere stati commessi alcuni illeciti nella gestione delle pratiche per la riscossione di Ici, Tarsu e Tares.

Si ipotizza che il dirigente ed i tre dipendenti, che adesso si occupano di pianificazione, gestione e territorio, servizi alla collettività e ambiente, possano aver intascato qualche "mancia" per far sì che i tributi da versare per cittadini e imprenditori si riducessero anche del 50 per cento. Avrebbero fatto leva su alcune valutazioni "contraffatte" sulle metrature degli immobili per concedere alcune riduzioni sulle tasse da versare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, trasferiti i quattro dipendenti indagati per truffa

PalermoToday è in caricamento