menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Orlando

Il sindaco Orlando

Orlando chiede rinvio del regolamento anti evasione, ma solo per chi ha chiuso per Covid

La proposta è stata trasmessa agli uffici per poi arrivare in Consiglio. Il primo cittadino assicura: "Non sarà comunque uno strumento per i furbetti". Decine le comunicazioni già inviate alle imprese invitando a mettersi in regola. Piampiano: "Generate in automatico"

Rinviare al 1° settembre 2021 l'entrata in vigore del Regolamento comunale per il contrasto all’evasione fiscale, approvato a ottobre, per tutte quelle attività produttive che nel 2020 sono state interrotte con provvedimenti di legge di contrasto al Covid 19. E' quanto previsto, su indicazione del sindaco Leoluca Orlando, in una proposta di delibera che è stata trasmessa agli uffici per l'inoltro al Consiglio comunale, che ha la competenza in materia regolamentare.

A ottobre dello scorso anno, infatti, il Consiglio aveva approvato un regolamento che prevede un inasprimento delle sanzioni, fino alla revoca della licenza, per le attività commerciali che risultano gravemente morose e che è in vigore dal 1 gennaio di quest'anno. "Lo stesso regolamento - si legge in una nota di Palazzo delle Aquile - ha introdotto forme agevolate di pagamento delle imposte pregresse, tramite rateizzazione e rateizzazione assistita da fideiussione bancaria fino a 60 mesi. Anche in considerazione di tale proposta già formalmente avanzata al Consiglio comunale, gli uffici non hanno avviato alcuna procedura istruttoria relativamente a quelle categorie commerciali per le quali potrebbe applicarsi la proroga".

Dal Suap la comunicazione ai commercianti: "Licenza sospesa a chi non è in regola coi tributi"

La richiesta di Orlando arriva proprio quando diverse imprese hanno ricevuto una pec dal Suap in cui si ricordano le sanzioni previste dal regolamento anti evasione e si invita alla regolarizzazione delle posizioni. E' l’assessore Leopoldo Piampiano a spiegare che "essendo vigente il regolamento, in atto il sistema genera automaticamente una Pec a ogni istanza presentata al Suap nella quale si avverte l'utente che se dovesse avere pendenze fiscali potrebbe incorrere nelle sanzioni previste dal regolamento antievasione. Nei fatti, in sostanza, al di là di una Pec di contenuto puramente interlocutorio e avente solo funzione deterrente, non vi è al momento alcuna attività istruttoria che possa portare all’applicazione delle sanzioni previste dal Regolamento, almeno per quelle categorie commerciali e produttive i cui codici Ateco sono fra quelli per i quali sono state disposte limitazioni all’attività a causa del Covid 19”.

Cosa prevede il nuovo regolamento

"L'evasione fiscale per decine di milioni di euro –  sottolinea però Orlando - rappresenta un grave vulnus per l'operatività dell'Amministrazione e per i servizi, ma certamente in questo momento occorre evitare un accanimento che può concretamente portare alla chiusura di decine se non centinaia di attività. Questo non sarà comunque uno strumento per i furbetti che prima del Covid 19 hanno accumulato migliaia o decine di migliaia di euro di tasse non pagate per farla franca. Mi auguro che la mano tesa da parte dell'Amministrazione non sia fraintesa e che appena sarà superata la crisi tutti capiscano l'importanza di mettersi in regola senza che siano necessarie azioni di recupero coattivo o provvedimenti fortemente sanzionatori. Sono certo che, confermando la sensibilità mostrata fino ad ora il Consiglio comunale, adotterà il provvedimento di sua competenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento