rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Cantieri di servizi, il sindaco chiede alla Regione tre mesi di proroga

Il Comune potrà prolungare le attività grazie alle economie sui finanziamenti ottenuti. La soddisfazione del consigliere Giaconia (Avanti Insieme): "Decisione in linea con la volontà espressa da Sala delle Lapidi con un un atto d'indirizzo approvato all'unanimità"

Altri tre mesi di lavoro per i disoccupati con i cantieri di servizi. Lo ha chiesto formalmente il sindaco Leoluca Orlando alla Regione, alla luce della norma approvata dall’Ars che ha dato il via libera alla prosecuzione delle attività. La notizia è emersa nel corso di un'audizione in Terza commissione consiliare dell'assessore all'Ambiente Sergio Marino e degli uffici del settore Decoro urbano e Verde, rappresentati dai dirigenti Paola Di Trapani e Mario Manetta. 

"Quanto riferito oggi dall'assessore e dagli uffici alla terza Commissione - ha dichiarato in una nota il consigliere comunale Massimo Giaconia (Avanti Insieme) - è in linea con la volontà espressa dal Consiglio, che lo scorso 16 dicembre ha approvato all’unanimità un atto d’indirizzo da me proposto, che andava proprio in questa direzione". In pratica, il Comune potrà prolungare di tre mesi i cantieri di servizi grazie alle economie del finanziamento ottenuto dalla Regione. Palazzo delle Aquile infatti non ha speso tutte le risorse disponibili, oltre al fatto che l'amministrazione non è riuscita a redigere progetti in altri settori rispetto a quello della cura del verde.  

"Tra qualche giorno, non appena la Regione autorizzerà il Comune, - ha aggiunto Giaconia - i partecipanti riprenderanno le importanti attività di giardinaggio, manutenzione e custodia che hanno svolto durante i primi tre mesi a supporto dei dipendenti comunali del settore Verde, coordinati dai Rup e dai capi giardinieri, presso le ville storiche di proprietà del Comune, migliorandone le condizioni. Nel corso della stessa audizione, gli uffici hanno informato la commissione di avere da tempo completato la procedura per l'ottenimento dell’anticipazione del 20% delle risorse economiche da parte della Ragione, la quale, però, pur avendo emanato i decreti di finanziamento non ha ancora provveduto all’effettivo trasferimento, indispensabile per il pagamento delle spettanze ai soggetti partecipanti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri di servizi, il sindaco chiede alla Regione tre mesi di proroga

PalermoToday è in caricamento