Cronaca

Palermo contro la mafia nigeriana, Comune si costituisce parte civile

Sfruttamento della prostituzione, traffico di stupefacenti e riduzione in schiavitù: la prossima udienza del processo è fissata per il 6 febbraio prossimo. Orlando: "Vicini alle vittime"

Il Gup Claudia Rosini, nel corso dell’udienza di questa mattina, ha rigettato le opposizioni dei difensori ed ha ammesso la costituzione di parte civile del Comune, rappresentato dall’avvocato Giovanni Airò Farulla, nel processo alla cosiddetta mafia nigeriana, accusata di sfruttamento della prostituzione, traffico di stupefacenti e riduzione in schiavitù. 

"Confermiamo il nostro impegno - ha dichiarato il Sindaco, Leoluca Orlando - in tutte le sedi e con tutti gli strumenti possibili sul fronte del contrasto alla tratta. Il Comune ribadisce, con questo atto, la sua vicinanza alle vittime, un passo che si affianca alle tante azioni realizzate in questi anni con le associazioni, i comitati e con tantissime cittadine e cittadini". La prossima udienza del processo, in corso di svolgimento presso il Tribunale di Palermo, è fissata per il 6 febbraio prossimo.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo contro la mafia nigeriana, Comune si costituisce parte civile

PalermoToday è in caricamento