menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vigili urbani davanti a un dehor - foto archivio

Vigili urbani davanti a un dehor - foto archivio

Dehors, una falla nel nuovo regolamento: tavolini e sedie sui marciapiedi a rischio?

Consiglio alle prese con le modifiche della delibera. Cambiano le indicazioni relative allo spazio da occupare e alle zone. Tantillo (Fi): "Previsti solo in strada... una follia". Zacco (Italia Viva): "Nessun allarme, lo chiariremo nel dettaglio"

Dehors sui marciapiedi a rischio? Sì, secondo il capogruppo di Forza Italia Giulio Tantillo, che solleva più di un dubbio sull'articolo 3 del nuovo regolamento. Ieri il Consiglio ha ripreso l'approvazione, articolo per articolo (si è giunti al quinto ndr), dell'atto che disciplina la concessione di suolo pubblico a pub, ristoranti, bar e altre attività commerciali. 

"Il comma 1 dell'articolo 3 - spiega Tantillo, l'unico a votare contro - afferma che l'occupazione del suolo pubblico è consentita 'sulle strade di tipo E e F. Quel 'sulle strade', a mio avviso, non comprende i marciapiedi, ma solo l'installazione dei dehors sulle carreggiate. Ciò significa che se il regolamento dovesse essere approvato definitivamente così, i commercianti dovrebbero smontare i dehors sui marciapiedi. Il che sarebbe una follia". A sostegno della sua tesi, Tantillo riferisce che la medesima interpretazione sarebbe stata data anche dal dirigente del Suap Luigi Galatioto. Anzi, di più. "Lo stesso Galatioto - prosegue Tantillo - ha paventato il rischio di smontaggio dei dehors che ci sono negli assi laterali di viale Regione Siciliana, strada di tipologia D". 

Oggi Sala delle Lapidi riprenderà l'esame del regolamento per la concessione del suolo pubblico, provando a dissipare ogni equivoco. Il come lo spiega il presidente della commissione Attività produttive Ottavio Zacco (Italia Viva), che non condivide le preoccupazioni di Tantillo. Tuttavia, annuncia, che "per evitare libere interpretazioni verrà modificato l'articolo 6 del regolamento laddove si parla di marciapiedi e porticati, specificando nel dettaglio la possibilità d'installazione dei dehors per ogni tipologia di strada". Nel merito dell'articolo 3, già approvato ieri dall'Aula, Zacco precisa: "Questa parte non è stata modificata rispetto al regolamento del 2014. Perché allora il problema non si è posto prima?".

L'argomento sarà al centro di una riunione mattutina tra i gruppi consiliari di maggioranza e di opposizione, che precederà la seduta d'Aula odierna. Sul regolamento dehors, quindi, si va avanti con l'obiettivo di giungere alla votazione domani. Gli articoli già modificati introducono alcune novità. Rispetto al passato, anche chioschi e gelaterie potranno installare dehors. Inoltre viene estesa a tutta la città la possibilità d'installazione nelle strade di tipo E e F, e non soltanto in centro storico, nelle borgate marinare e nelle aree pedonali. Modificata anche l'ampiezza massima dei dehors, che nelle aree pedonali scende da 100 a 50 metri quadri. Lo spazio esterno che si potrà occupare, in generale, non potrà essere più della metà del locale interno. Nei dehors, infine, non saranno più ammesse coperture fisse né pannelli di delimitazione laterale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento