Capodanno, anche a Bagheria scatta il divieto per botti e fuochi d'artificio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, ha firmato stamani un’ordinanza per "vietare l’utilizzo di petardi, artifici pirotecnici e 'botti' di capodanno, di qualsiasi genere dal 31 dicembre 2015 al 9 gennaio 2016". "Come è noto - si legge in una nota -  le esplosioni ed i forti rumori provocano grande stress agli animali ma anche agli anziani e ai soggetti cardiopatici ed è per questo motivo che l’amministrazione comunale si appella anche al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che l’uso improprio di mortaretti, lancio di razzi e fuochi di artificio possa avere esiti devastanti su se stessi e gli altri". Per i trasgressori ci sarà una multa di 150 euro.

“Scopo dell’ordinanza è garantire un ultimo dell’anno all’insegna del divertimento consapevole per dire addio all’anno trascorso e salutare quello nuovo in modo festoso, ma senza ledere il diritto di ciascuno alla salute e alla tranquillità che possono arrecare danni, determinare disagio o disturbo a persone o animali – spiega il sindaco Cinque  - Ogni anno i pronto soccorso sono affollati di persone che hanno subito dei danni durante l’esplosione dei petardi e giochi pirotecnici, danni che subiscono anche gli animali che spesso muoiono per lo spavento, e nei giorni successivi continuano gli incidenti per quelli inesplosi. Festeggiare è possibile e farlo in sicurezza é un dovere anche nei confronti dei più deboli”. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento