Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

I posti negli asili non bastano: il Comune si "gioca" la carta dei privati e dei voucher per le famiglie

Pubblicato un avviso per la creazione di un catalogo di nidi e micronidi, con l'obiettivo di trovare un posto ai bambini fino a 3 anni rimasti in lista d'attesa. Disponibili buoni servizio per un totale di oltre un milione di euro fino al 2022. L'assessore Marano: "Opportunità aggiuntiva per tanti genitori" 

Il Comune si gioca la "carta" dei privati per garantire un posto in un asilo nido ai bambini fino a 3 anni rimasti in lista d'attesa. Visto che i posti nelle strutture comunali scarseggiano (ormai da anni), l'assessorato alla Scuola ha pubblicato un avviso per la creazione di un catalogo di nidi e micronidi privati. L'amministrazione inoltre erogherà alle famiglie dei voucher che serviranno a pagare la retta.   

Per l'assessore Giovanna Marano "la manifestazione d'interesse rivolta alle strutture private che hanno i requisiti previsti, rappresenta una importante opportunità aggiuntiva per tanti genitori e concretizza il sistema educativo integrato 0-6 volto a garantire a bambine e bambini, fin dalla prima infanzia, pari opportunità di sviluppare le proprie potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento con l’obiettivo di superare disuguaglianze, barriere territoriali, economiche e culturali”.

Le strutture private con sede a Palermo potranno presentare domanda di adesione alla manifestazione di interesse entro il 10 settembre. Per stipulare una convenzione con l’amministrazione cittadina dovranno essere in possesso del decreto di iscrizione all’albo regionale (legge 22 del 1986), dovranno presentare un Durc positivo o una certificazione di regolarità fiscale.

"Al momento della presentazione della domanda - si legge in una nota del Comune - i privati dovranno dichiarare il numero di posti che si impegnano a mettere a disposizione del Comune, che potrebbe variare se il numero complessivo dell’offerta supererà la somma a disposizione del Comune oppure se le scelte delle famiglie non satureranno i posti. Il gestore di nidi e micronidi dovrà garantire la disponibilità dei posti-bambino dichiarati fino al 20 ottobre 2021, termine massimo entro il quale il Comune comunicherà l'effettivo fabbisogno dei posti". Le manifestazioni di interesse dovranno essere inviate entro le ore 12 del 10 settembre 2021, solo tramite posta elettronica cerificata, alll'indirizzo settoreservizieducativi@cert.comune.palermo.it.

La domanda di partecipazione, firmata digitalmente dal legale rappresentante e con copia del documento di identità allegato, dovrà riportare nell’oggetto la dicitura: "Manifestazione d'interesse a partecipare all’Avviso pubblico per l’acquisizione di manifestazione d'interesse per la creazione di un catalogo dell’offerta di nidi-micronidi privati iscritti all’albo regionale ai sensi della L.R.22/86 per l’erogazione di buoni servizio (voucher) a sostegno delle famiglie con bambini da 0-3 anni finanziati con D.lgs 65/2017".

Le richieste saranno valutate dall’amministrazione che provvederà a predisporre l’elenco dei gestori in possesso dei requisiti, approvato in via provvisoria fino al completamento delle verifiche al termine delle quali sarà approvato il catalogo definitivo dell’offerta a disposizione dell’utenza per l’anno educativo 2021-22. Quindi, il Comune e le aziende inserite nel catalogo dell’offerta sottoscriveranno una convenzione.

Le famiglie con bambini inseriti nelle liste di attesa dei nidi comunali potranno effettuare la scelta dal catalogo, di regola identificando la struttura privata ricadente nella circoscrizione del nido in cui non sono stati ammessi. I fondi per i buoni servizio relativi all’anno educativo 2021-22 sono 344 mila euro per il 2021 e 803 mila euro per il 2022.

L’avviso e i documenti allegati A, B e C sono reperibili sul sito internet del Comune di Palermo e sul sito Portale Scuola. Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare l’Area dell’Educazione, Formazione e Politiche giovanili alla mail areascuola@comune.palermo.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I posti negli asili non bastano: il Comune si "gioca" la carta dei privati e dei voucher per le famiglie

PalermoToday è in caricamento