rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Altavilla Milicia

Altavilla Milicia, annullato lo scioglimento per mafia

Il tribunale amministrativo ha condiviso le tesi difensive che si incentravano sull'inattendibilità delle conclusioni raggiunte "in quanto basate - si legge nella sentenza - su circostanze non sussistenti in fatto o su dati privi della necessaria rilevanza e concludenza; sia nel metodo"

La prima sezione del Tar del Lazio ha accolto il ricorso proposto dal sindaco di Altavilla Milicia, Antonino Parisi, e ha annullato gli atti di scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni e condizionamento mafioso. La gestione del Comune era stata affidata a una commissione straordinaria, insediata il 7 febbraio 2014.

Il tribunale amministrativo ha condiviso le tesi difensive degli avvocati Gaetano Armao e Giuseppe Fragapani, che si incentravano sulla sostanziale inattendibilità delle conclusioni raggiunte "in quanto basate - si legge nella sentenza - su circostanze non sussistenti in fatto o su dati privi della necessaria rilevanza e concludenza; sia nel metodo, basato su una rappresentazione spesso consapevolmente parziale dei fatti e su un procedimento deduttivo viziato nelle sue risultanze perchè fondato su asserzioni e assiomi anzichè sulla dimostrata esistenza di elementi chiari e concordanti di prova dell'esistenza di collegamento e/o di condizionamento mafioso della disciolta amministrazione comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altavilla Milicia, annullato lo scioglimento per mafia

PalermoToday è in caricamento