Vigile del fuoco morto per spegnere incendio, in piazza Cascino si ricorda Nicola Billeri

Deposta una corona d’alloro benedetta da Monsignor Sergio Natoli. Il vicesindaco Fabio Giambrone: "Un dovere onorare chi rischia ogni giorno la vita per la nostra sicurezza"

La cerimonia di commemorazione in piazza Generale Cascino

Cerimonia di commemorazione oggi pomeriggio in piazza Generale Cascino per ricordare Nicola Billitteri, il vigile del fuoco morto il 27 agosto di venti anni fa mentre con alcuni colleghi era intento a spegnere un incendio doloso in un negozio. Presente alla cerimonia, che si è svolta in prossimità del cippo commemorativo posto nel 2016 dall'Amministrazione comunale, il vicesindaco Fabio Giambrone: "Oggi come ieri e come sarà domani, è per noi e per tutta la nostra comunità un dovere ricordare Nicola Billitteri e tutti i suoi colleghi morti o feriti. E' un dovere rendere onore a questi cittadini che ogni giorno rischiano la vita per garantire la nostra sicurezza".

Il sindaco Leoluca Orlando, ricordando che tutti i figli di Billitteri sono oggi nel corpo dei vigili del fuoco, ha rivolto "un affettuoso ringraziamento alla moglie Letizia e ai figli Salvo, Virgilio e Maria per il loro composto dolore e per la passione che mettono nel ricordarlo e proseguirne l'impegno per la comunità". Alla cerimonia - tra gli altri - hanno preso parte anche il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Palermo Agatino Carrolo e il direttore regionale dei vigili del fuoco Gaetano Vallefuoco. Deposta una corona d’alloro benedetta da Monsignor Sergio Natoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento