menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Ninni Cassarà e Roberto Antiochia

Da sinistra Ninni Cassarà e Roberto Antiochia

L'omicidio di mafia a colpi di kalashnikov, 35 anni dopo il ricordo di Cassarà e Antiochia

Appuntamento per giovedì 6 agosto, ore 9, davanti alla stele di marmo di piazza Giovanni Paolo II. Poi la messa nella chiesa del Santissimo Salvatore di corso Vittorio Emanuele

Una corona d’alloro e una santa messa per ricordare Ninni Cassarà e Roberto Antiochia. Sono due gli appuntamenti previsti per domani in memoria del vicecapo della Squadra Mobile e dell’agente scelto, due figure simbolo della lotta alla mafia degli anni ‘80 ammazzate con una raffica di colpi esplosi nel 1985 con un kalashnikov in viale Croce Rossa.

I due trovarono la morte a pochi passi dall’abitazione del funzionario di polizia, dove Cassarà era atteso dalla moglie e dai figli. “In quegli anni difficili e scomodi per gli uomini dello Stato - spiegano dalla Questura - Antonino Cassarà rappresentò un naturale e abituale interlocutore per i magistrati impegnati sul fronte dell’antimafia”.

Fu l’interlocutore per eccellenza della polizia “garantendo una sicura e proficua collaborazione agli investigatori del pool, come Giovanni Falcone, impegnati nella lotta a Cosa Nostra.

Domani mattina, alle ore 9, alla presenza di autorità civili e militari, sarà deposta una corona presso la stele in marmo di piazza Giovanni Paolo II. A seguire è prevista una santa messa sarà celebrata presso la chiesa del Santissimo Salvatore di corso Vittorio Emanuele, dal cappellano della polizia di Stato, padre Massimiliano Purpura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento