Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Marina

"Da migrante si impegnò per sconfiggere la mafia", Palermo ricorda Joe Petrosino

Il poliziotto italo-americano fu ucciso a piazza Marina il 12 marzo del 1909. Il sindaco Leoluca Orlando ha deposto una corona di fiori sul luogo dell’omicidio

Un momento della commemorazione

Il Comune di Palermo ha ricordato oggi, con la deposizione di una corona di fiori sul luogo dell’omicidio, la figura di Joe Petrosino, il poliziotto italo-americano, ucciso a Piazza Marina il 12 marzo del 1909.

“Come ogni anno - ha detto il sindaco Leoluca Orlando - la città di Palermo ricorda Joe Petrosino facendo memoria di quanto sia stato difficile nella storia di questa città liberarsi dalla presenza mafiosa dentro le istituzioni e di quanto sia stato significativo il comportamento di Joe. Migrante appartenente a una famiglia di migranti e divenuto cittadino americano e poliziotto, egli si impegnò per liberare la sua terra di origine e il suo paese di adozione dall’ipoteca mafiosa. Un’operazione che è anche di straordinaria rivalutazione dei tanti migranti costretti a fuggire per sottrarsi allo strapotere e alle violenze della mafia e condannati poi a essere considerati mafiosi per quelli che continuarono all’estero l’attività criminale”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Da migrante si impegnò per sconfiggere la mafia", Palermo ricorda Joe Petrosino

PalermoToday è in caricamento