Palermo ricorda Beppe Montana: il poliziotto che catturava i latitanti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Domani ricorrerà il trentacinquesimo anniversario dalla tragica morte del commissario della polizia  Giuseppe Montana, ucciso in un agguato mafioso a Porticello. Alle 10 si svolgerà una cerimonia di commemorazione in piazza “Beppe Montana”, a pochi metri dal luogo del vile attentato, nel corso della quale sarà  deposta una corona di alloro sulla stele in marmo dedicata al ricordo dell’estremo sacrificio. A conclusione della deposizione, il cappellano della polizia, don Massimiliano Purpura, impartirà una benedizione.

Il 28 luglio del 1985, proprio nella frazione marinara di Santa Flavia, Cosa nostra decise che era giunto il momento di saldare il conto con quel poliziotto a capo della “Squadra Catturandi” della Mobile di Palermo che tanto fastidio dava alla criminalità organizzata.

Il poliziotto che “catturava” i latitanti fu colto da Cosa nostra in uno dei rari momenti che egli dedicava allo svago ed a sé stesso: una domenica pomeriggio, di ritorno da una gita in barca con amici e parenti. Quell’omicidio fu la riprova di quanto bene il poliziotto avesse fatto il suo lavoro, con passione, dedizione e senso dello stato che, ancora oggi, sono esempi imperituri per donne e uomini della polizia. Quella stessa abnegazione che, non a caso, gli è valsa un posto, sulla lapide commemorativa dei poliziotti uccisi dalla mafia ed affissa in Questura, tra Boris Giuliano e Ninni Cassarà.

Lo Stato ha onorato il suo estremo sacrificio conferendogli, il 26 settembre 1986, la Medaglia d'Oro al Merito Civile,  con la seguente motivazione: "Sprezzante dei pericoli cui si esponeva nell'operare contro la feroce organizzazione mafiosa, svolgeva in prima persona e con spirito d'iniziativa non comune, un intenso e complesso lavoro investigativo che portava all'identificazione e all'arresto di numerosi fuorilegge. Sorpreso in un agguato, veniva mortalmente colpito da due assassini, decedendo all'istante. Testimonianza di attaccamento al dovere spinto fino all'estremo sacrificio della vita. Palermo, 28 luglio 1985".
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento