Aggredisce automobilista con un chiodo dopo incidente, condannato per tentato omicidio

Così ha deciso il gup per Gianfranco Cangialosi, che dovrà scontare 6 anni di carcere. Il 33enne ha colpito il padre del conducente del mezzo contro il quale si è scontrato e poi è fuggito

I carabinieri di Borgetto (foto archivio)

Condannato per aver trafitto con un chiodo l’addome di un automobilista dopo un incidente. Così ha stabilito il giudice Maria Cristina Sala che ha inflitto al 33enne Gianfranco Cangialosi una pena di 6 anni per tentato omicidio. A restare ferito un Vincenzo Diluvio (51 anni) che aveva preso le parti del figlio coinvolto nello scontro.

L’episodio risale a ottobre 2016, nel comune di Borgetto. A seguito di un incidente in corso Roma tra due auto, una delle quali guidate da Cangialosi, l’impiegato 51enne è intervenuto dopo la telefonata ricevuta dal figlio. Al suo arrivo è nata subito un’accesa discussione durante la quale Cangialosi ha afferrato un grosso chiodo e ha colpito Diluvio.

La vittima è stata soccorsa nel luogo dell’incidente dal personale del 118 che poi lo ha trasportato all’ospedale di Partinico. Dopo quanto accaduto Cangialosi è fuggito, ma i carabinieri sono riusciti a rintracciarlo e ad arrestarlo analizzando le immagini riprese da alcuni sistemi di videosorveglianza piazzati nei paraggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento