Molara, colpi di pistola nella notte contro la saracinesca di una tabaccheria

A indagare i carabinieri che hanno effettuato i rilievi in via Aquino Molara. Il commerciante ha riferito di non aver ricevuto minacce o richieste estorsive. Al vaglio le immagini di alcune telecamere

L'ingresso della tabaccheria alla Molara (foto archivio)

Colpi di pistola contro la saracinesca di una tabaccheria alla Molara. Il titolare della rivendita Gorgone di via Aquino Molara ieri mattina ha denunciato l'episodio ai carabinieri. Gli spari sono stati avvertiti dai residenti nella notte tra lunedì e domenica. Sul posto è intervenuto anche il personale della Sezione investigazioni scientifiche che ha effettuato i rilievi.

Secondo quanto riferito da alcuni abitanti della zona i colpi sarebbero stati esplosi intorno all'una di notte. Gli investigatori hanno acquisito le immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza cercando dettagli utili per risalire all'autore di quella che sembrerebbe a tutti gli effetti un'intimidazione. Il commerciante però ha riferito di non aver ricevuto minacce o richieste estorsive.

Un episodio simile è stato registrato lo scorso aprile nella zona della Zisa. Nel mirino un artigiano che lavora il vetro in via D'Ossuna. Quando l'uomo si è accorto di quei fori sulla saracinesca ha contattato la polizia che è intervenuta insieme ai colleghi della Scientifica. Almeno tre i colpi esplosi nel cuore della notte che però nessuno tra i residenti avrebbe sentito.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperone sotto shock, annuncia suicidio su Facebook e si toglie la vita

  • E' morto "U Zu Totò", per 50 anni ha fritto panelle e crocchè accanto alla Fiera

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento