Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Vite invisibili: la storia del clochard senza nome di Acqua dei Corsari

Una tenda rossa e un mucchio di oggetti accatastati: da più di un mese un senzatetto dorme in quel giaciglio di fortuna all'ingresso della città. Nessuno sa da dove viene. A segnalare la sua presenza è il consigliere di circoscrizione Giuseppe Guaresi. L'assessore Mattina: "Manderemo qualcuno per verificare il suo stato"

Tutti lo conoscono ma nessuno sa il suo nome né da dove viene. Lo hanno visto passeggiare più volte immerso nei suoi pensieri, dormire lì in quel giaciglio di fortuna all'ingresso di Palermo, accumulare pezzi di vita altrui che sono diventati suoi, eppure nessuno sa niente di lui. In fondo, li chiamano invisibili anche per questo. Joseph, lo chiameremo così, è un ultimo, un clochard venuto da chissà dove, forse dall'Ucraina ci racconta qualcuno. Da alcuni mesi staziona lì, all'altezza del civico 787 di via Messina Marine, ad Acqua dei Corsari. Lo aspettiamo per ore accanto alla sua casa sotto il cielo ma di lui non c'è traccia. 

"E' un bravo ragazzo - ci raccontano nel bar che fa da bivio al centro della piazza - viene qui ogni mattina, gli offriamo qualcosa ma non sempre vuole da mangiare, ci sorride e poi va via. Forse ora sta facendo una delle sue lunghe passeggiate fino ai paesi limitrofi, arriva anche a villabate. Cammina per ore e ore e poi torna al suo rifugio".  "E' un accumulatore", dicono alcuni residenti. Attorno alla sua tenda rossa, in effetti, c'è davvero di tutto. Scarpe, tantissime, di ogni genere e misura. Abiti, che molti gli portano per proteggersi dal freddo della notte e che lui raccoglie chissà dove. E poi libri, giochi, cibo e persino un peluche blu a fargli compagnia. "E' qui da più di un mese, ci racconta un'anziana che abita quasi di fronte. Non è una cattiva persona ma non può vivere così. Diventa rischioso, io ho visto spesso topi e scarafaggi lì intorno. Non vogliamo che vada via se non sa dove andare, ma che magari si pulisca l'area e resti solo la sua tenda". 

Già il mese scorso il consigliere della seconda circoscrizione Giuseppe Guaresi in due note datate 11 e 19 marzo aveva denunciato al Comune, alla Rap e al settore Servizi sociali la sua presenza nella borgata marinara, lì a pochi passi dal parco intitolato a Libero Grassi. Pochi giorni fa aveva lanciato anche un video appello su Facebook. Rintracciato telefonicamente da PalermoToday. l'assessore alla Cittadinanza solidale Giuseppe Mattina, ci dice di non essere a conoscenza del caso ma che ha segnalato subito la vicenda al settore e manderà già in serata i servizi sociali per verificare lo stato dell'uomo.

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Vite invisibili: la storia del clochard senza nome di Acqua dei Corsari

PalermoToday è in caricamento