Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Politeama / Via Salvatore lo Forte

"Voglio essere rimpatriato", cittadino del Bangladesh colpisce con una spranga un poliziotto

L'agente è stato ferito ad un braccio ed è finito in ospedale. L'aggressore ha preso a mazzate pure la porta blindata della sezione di polizia giudiziaria in via Lo Forte. Assenzio (Usip): "La politica rifletta su queste continue aggressioni, servono pene esemplari"

Un cittadino del Bangladesh ieri ha colpito con una spranga un poliziotto e ha danneggiato la porta blindata della sezione di polizia giudiziaria in via Lo Forte.

L'uomo si è avvicinato alla porta degli uffici con una spranga in mano e quando un poliziotto si è avvicinato per chiedergli se avesse bisogno di aiuto è scattata la violenza. Il poliziotto è stato ferito ad un braccio ed è finito in ospedale. L’aggressore si è poi accanito contro la porta a vetri, urlando e chiedendo di essere rimpatriato in Bangladesh. Alla fine gli agenti di polizia sono riusciti a bloccarlo e a togliergli la spranga di ferro. Il cittadino del Bangladesh è stato portato negli uffici della polizia e identificato. 

"Troppo spesso - dice Giovanni Assenzio, segretario generale provinciale Usip - i colleghi sono bersaglio di facinorosi e delinquenti che hanno il solo obiettivo di scagliarsi contro chi rappresenta lo Stato e tutela la collettività. Le continue aggressioni a cui sono sottoposte le forze dell’ordine impongono una riflessione da parte della politica che ha l’obbligo di prendere una posizione netta e chiara, condannando tali atteggiamenti e pretendendo pene esemplari".

"Da consigliere comunale, da appartenente alle forze dell'ordine, ma anche da cittadino esprimo la massima solidarietà al poliziotto che è stato brutalmente colpito a sprangate dal cittadino bengalese". Lo dichiara Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio comunale e responsabile regionale dei dipartimenti del partito di Matteo Salvini. "I casi di violenza nei confronti degli uomini e delle donne  in divisa sono all'ordine del giorno, ma c'è chi preferisce passarli sotto silenzio. Ogni giorno decine di migliaia di operatori divisa rischiano la vita. Per questo è necessario inasprire le pene verso coloro che commettono violenza nei confronti degli uomini e delle donne in divisa che, fin troppo spesso, non sono tutelati abbastanza quando operano su strada".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Voglio essere rimpatriato", cittadino del Bangladesh colpisce con una spranga un poliziotto

PalermoToday è in caricamento