Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Tragedia sfiorata a Cinisi, litiga coi genitori e spara tre colpi

Protagonista un trentanovenne, con precedenti per droga e alcol, che avrebbe chiesto del denaro al padre e alla madre tentando di aggredirli dopo il loro rifiuto. La coppia è riuscita a mettersi in salvo e ad allertare i carabinieri

Tragedia sfiorata a Cinisi questa mattina. Un trentanovenne con precedenti per droga ha aggredito i genitori e poi ha sparato tre colpi di pistola. La coppia è riuscita a sfuggire alla furia del figlio e ad allertare i carabinieri della locale stazione.

Tutto sarebbe nato da un litigio per motivi economici. A.D, probabilmente in preda ai fumi dell’alcol, avrebbe chiesto dei soldi ai genitori. Al loro rifiuto è andato su tutte le furie tentando di aggredirli. La coppia è riuscita a fuggire e ha dato l’allarme ai carabinieri che tempestivamente hanno raggiunto l’abitazione che si trova in aperta campagna.

Ma alla vista dei militari il trentanovenne ha impugnato una pistola e sparato almeno tre colpi, non raggiungendo fortunatamente nessuno. Poi si è liberato dell’arma gettandola nel terreno e si è diretto nella sua abitazione minacciando di farsi saltare in aria con la bombola del gas. I militari dopo i concitati momenti, sono riusciti ad immobilizzare l’uomo.

Sul posto sono intervenuti pure i vigili del fuoco e un’ambulanza del 118. A.D. è stato trasportato all’ospedale Civico di Palermo e sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio. Del fatto è stata informata l’autorità giudiziaria competente. Intanto i carabinieri sono tornati nella casa di campagna del trentanovenne alla ricerca della pistola. Da capire perché l’aggressore, che non risulta avere porto d’armi, fosse in possesso dell’arma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sfiorata a Cinisi, litiga coi genitori e spara tre colpi

PalermoToday è in caricamento