Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Cinisi, chiudono due comunità per migranti: ma all'appello mancano 6 minorenni

I giovanissimi sono scappati dalle strutture di accoglienza Primavera e Madre Carmela Prestigiacomo. Attivate le procedure di ricerca. Nel frattempo dopo l'ispezione delle forze dell'ordine gli altri undici ospiti dell'Opera Pia sono stati trasferiti

La sala da pranzo dell'Opera Pia

Sei migranti minorenni sono scappati dalle comunità alloggio dell'Opera Pia di Cinisi. La fuga è avvenuta nei giorni scorsi. Immediatamente si è attivato il protocollo per loro ricerca, così come previsto dalla Prefettura. I sei giovanissimi sono fuggiti dalle comunità Primavera e Madre Carmela Prestigiacomo, già finite nell'occhio del ciclone dopo l'ispezione di carabinieri e guardia di finanza dello scorso 13 ottobre.

Durante i controlli delle forze dell'ordine sono emerse alcune irregolarità che hanno portato la Procura alla cancellazione delle due comunità. Da qui il conseguente trasferimento dei ragazzi in altre strutture, disposto dal sindaco Giangiacomo Palazzolo in quanto tutore dei minori. Trasferimento iniziato martedì scorso e che si è completato oggi. Dopo i due migranti trasferiti martedì scorso, ieri due minori sono stati portati a Termini Imerese e uno a Palermo. Oggi è toccato ad altri sei ragazzi traslocare. All'appello però mancano sei giovani migranti, dei quali non si hanno notizie. 

La smobilitazione è l'epilogo di una lunga querelle nata attorno alle due comunità. Conclusasi con l'ispezione, avvenuta in notturna, da dove è emersa la violazione degli standard organizzativi. "Alle 22.45 - si legge nella relazione firmata dal procuratore Maria Vittoria Randazzo - i minori erano da soli. Non c'erano nè educatori nè personale di sorveglianza". Solo in un secondo momento la Procura ha appreso che a svolgere la vigilanza notturna era un volontario.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinisi, chiudono due comunità per migranti: ma all'appello mancano 6 minorenni

PalermoToday è in caricamento