Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Emergenza senza fine ai Rotoli, dalle bare in deposito escono dei liquidi: "Ora temiamo le piogge"

La denuncia arriva dal direttore del cimitero Leonardo Cristofaro. L'assessore Sala a PalermoToday: "Stiamo provvedendo a impermeabilizzare le casse dei più indigenti". E si corre ai ripari per evitare che si ripetano le scene dello scorso anno

I liquidi dovuti alla decomposizione delle salme, accelerata dalle altissime temperature di questi giorni, hanno cominciato a uscire dalle bare accatastate nel deposito del cimitero dei Rotoli. L’allarme è stato lanciato nei giorni scorsi dal direttore del camposanto, Leonardo Cristofaro, che con una nota ha informato il Comune e ha chiesto agli uffici competenti di intervenire immediatamente per scongiurare un pericolo sanitario molto grave.

“Il percolamento ha interessato una decina di bare delle opere pie, di quelle che sarebbero destinate ai campi di inumazione se ci fossero - dice a PalermoToday l’assessore comunale ai Cimiteri, Toni Sala -. Per risolvere il problema, stiamo provvedendo immediatamente con la zincatura per impermeabilizzarle”. Interessate, infatti, sono soprattutto le casse che ospitano i defunti più indigenti, differenti dalla maggior parte delle altre bare perché prive della copertura in zinco che serve, appunto, a contenere i liquidi della decomposizione dei corpi.

“Rispetto al numero delle bare attualmente in deposito - prosegue Sala - il problema è rimasto circoscritto, ma il direttore del cimitero ha fatto bene ad allertarci così abbiamo provveduto a rifornirci di nuove zincature. Soprattutto perché, considerando i numeri del Covid di questi giorni, l’emergenza potrebbe aggravarsi. E poiché all’eccezionale caldo di queste settimane è molto probabile che seguiranno intense precipitazioni, stiamo provvedendo anche a ripulire tutti i tombini del cimitero”. Le bare attualmente in deposito sono quasi mille, più di un centinaio ancora poggiate a terra. L’obiettivo del Comune, quindi, è evitare che si ripeta la terribile circostanza, già accaduta lo scorso anno, con decine di bare galleggianti tra i viali del cimitero di via Papa Sergio.

L’emergenza del cimitero dei Rotoli, quindi, si aggrava ancora. Si procede a rilento anche con le strategie già messe in campo dal Comune per ridurre il numero di salme in attesa di una sepoltura. Tra queste i trasferimenti di bare al cimitero di Sant'Orsola, con il contributo economico dell’amministrazione comunale, e gli accordi con la Misterbianco cremazione spa per decine di cremazioni nel forno che si trova nel Catanese. A Palermo, infatti, la struttura costruita nel 1982 è fermo da un pezzo e chi sceglie di cremare i propri defunti è costretto ad andare a Reggio Calabria o a Messina. Ci sarebbe il progetto di un nuovo forno, già finanziato nel 2015 con tre milioni di euro, ma non è mai arrivato alla fase esecutiva dei lavori. Mentre restano sulla carta alcuni degli interventi annunciati e ancora soltanto parzialmente realizzati, a cominciare dalle estumulazioni dei loculi a parete lungo la via Papa Sergio, dove si potrebbero recuperare, appunto, circa mille posti.

Intanto, dalla Lega fanno sapere che l’emergenza cimiteri ha attirato l’attenzione anche del leader Matteo Salvini: "Lo scandalo del cimitero dei Rotoli nel capoluogo siciliano sarà oggetto di una interrogazione parlamentare del senatore Matteo Salvini che prossimamente intende fare un sopralluogo". Ma l’assessore Sala replica: “Siamo costantemente al lavoro per cercare di risolvere questa emergenza. Il livello di attenzione è e resterà alto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza senza fine ai Rotoli, dalle bare in deposito escono dei liquidi: "Ora temiamo le piogge"

PalermoToday è in caricamento