Caos cimitero, ai Rotoli liberate 12 sepolture: verranno occupate dalle salme in deposito

Via alle operazioni previste nel piano predisposto dal sindaco Orlando. "Chiedo scusa ai familiari dei defunti, faremo di tutto per recuperare l'arretrato". Ogni giorno verranno effettuate una dozzina di estumulazioni dei morti nelle nicchie in concessione da più di 30 anni

Sono iniziate oggi al cimitero di Santa Maria dei Rotoli le operazioni di estumulazione delle salme ultratrentennali che si trovano nelle nicchie, come previsto dalla ordinanza firmata lo scorso 17 luglio dal sindaco Leoluca Orlando.

Secondo cronoprogramma, sono state estumulate 12 salme. In 11 casi è stata verificata la mineralizzazione e quindi c'è stata la possibilità di ricomposizione dei resti in cassetta ossario. Domani mattina, quindi, si procederà alla tumulazione di queste prime 12 salme provenienti dal deposito, le cui famiglie sono state già avvisate. Come previsto dallo stesso sindaco, il piano procederà con un numero compreso fra 12 e 15 tumulazioni-estumulazioni al giorno, con una diminuzione prevista di 7-10 salme a deposito. L'elenco delle nicchie di cui si procederà allo svuotamento nelle successive 48 ore è pubblicato quotidianamente sul sito istituzionale del Comune alla sezione "avvisi".

La estumulazione delle salme tumulate nelle nicchie oggetto di concessione scaduta per il decorso dei trenta anni, come detto prevede la presenza dei congiunti che sono stati avvisati  tramite avviso pubblico all'albo pretorio, nel sito istituzionale del Comune e all’ingresso del cimitero. L’operazione qualora sia presente il medico può completarsi attraverso la riunione resti e la collocazione in cassetta ossario per essere riposta nella medesima sepoltura, oppure, in via momentanea, collocata nella camera mortuaria  ed entro le successive 24 ore si procederà con l'operazione di riunione resti. Ricordiamo, sempre per decisione del sindaco, che in caso di cremazione deciso dalla famiglia del defunto i costi saranno a carico della amministrazione comunale e questo fin quando non sarà riparato il forno crematorio.

"Abbiamo dato avvio - ha detto il sindaco Orlando - grazie al lavoro congiunto della Resete, del Coime e degli uffici responsabili dei cimiteri, ad un piano che ci consentirà di ridurre considerevolmente fino ad azzerare i tempi di attesa per la tumulazione dei defunti. Ancora una volta, pur conscio di non avere tutte le responsabilità di questa incresciosa situazione, non posso che porgere ai familiari dei defunti le mie scuse, a nome di tutta l'amministrazione comunale e della città. Spero che una volta recuperato l'arretrato si rientri in una normalità che è anche necessità di rispetto e decoro per i defunti e per il dolore dei loro cari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento