Non solo mazzette ai Rotoli, l'ex direttore usò il furgone del Comune per il trasloco della figlia

Dall'inchiesta emerge come Cosimo De Roberto, finito ai domiciliari, avrebbe incaricato un Lsu in servizio al cimitero di aiutare la donna. I carabinieri hanno seguito sino all'abitazione un Fiat Fiorino del Comune poi utilizzato per trasportare alcuni pacchi

Un furgone utilizzato per i servizi cimiteriali (foto archivio)

Non solo concussione e corruzione. All'ex direttore dei cimiteri comunali, Cosimo De Roberto, che ieri è finito agli arresti domiciliari, viene contestato anche il peculato: secondo il procuratore aggiunto Sergio Demontis ed il sostituto Francesca Mazzocco, infatti, l'indagato avrebbe utilizzato un furgone del Comune, destinato al cimitero dei Rotoli, per aiutare la figlia a traslocare.

Dalle indagini dei carabinieri emergono alcune telefonate, captate tra l'11 e il 12 luglio dell'anno scorso, in cui De Roberto avrebbe incaricato un Lsu, un lavoratore socialmente utile in servizio al camposanto, di occuparsi del trasporto dei pacchi della figlia. L'11, come si legge nell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Filippo Serio l'ex direttore "riferiva al lavoratore che più tardi si sarebbero dovuti risentire giacché l'indomani avrebbero dovuto fare una cosa assieme" e poi anche che "l'indomani aveva bisogno che andasse a bordo del Fiat Fiorino (di proprietà del Comune) alle 10, in corso Calatafimi, e gli spiegava che la figlia aveva la necessità di portare delle cose dalla casa dove abitava prima alla nuova abitazione".

"Sistemiamo la zia del consigliere comunale?"

Il giorno dopo De Roberto avvisava sua figlia "che sarebbe arrivato nel luogo dell'appuntamento intorno alle 10 e un quarto. La donna - si legge ancora nell'ordinanza - gli chiedeva: 'E quelli?' e lui rispondeva che si trattava di una sola persona". I carabinieri hanno seguito le operazioni in corso Calatafimi ed hanno effettivamente riscontrato l'arrivo del furgone del Comune con un Lsu, sul quale venivano poi caricati dei pacchi. Successivamente è stata captata una telefonata in cui l'ex direttore "ringraziava" l'operaio e questi gli rispondeva di "essere a sua disposizione".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento