Cimiteri, obbligo di tumulazione in loculi o cremazione per le bare in deposito: "Paga il Comune"

Lo prevede un'ordinanza del sindaco, valida dall'1 settembre. Solo casse di legno rivestite di zinco per le salme destinate all'inumazione. Per superare l'emergenza sarà collocato un forno crematorio mobile e verranno acquistati loculi fuori terra prefabbricati in altri cimiteri

Bare accatastate al deposito dei Rotoli (foto archivio)

Cambiano le regole sulle sepolture dei defunti al cimitero dei Rotoli. Per superare l'emergenza, a partire dal primo settembre le salme destinate all’inumazione nei campi dovranno, infatti, accedere al cimitero esclusivamente in cassa di legno, rivestite all’esterno con zinco, in modo che, al momento della sepoltura, venga eliminato solo lo strato metallico esterno, senza incidere in alcun modo nella cassa contenente il feretro. Che - così facendo - non subirà più ritardi nei processi naturali di mineralizzazione.

Lo stabilisce un'ordinanza del sindaco Leoluca Orlando, che avrà validità sino al prossimo 31 dicembre. Le bare che si trovano in deposito, secondo il provvedimento del sindaco, "a prescindere dalla volontà dichiarata dai familiari, con una tolleranza sino al 31 agosto, dovranno essere destinate, in via temporanea e sino al superamento dell’emergenza, alla tumulazione nei posti disponibili in nicchie o loculi o alla cremazione (in quest’ultimo caso con assenso dei congiunti) con onere a carico dell'amministrazione".

Resta salva la facoltà dei congiunti che inizialmente hanno optato per l’inumazione in campo di scegliere la tumulazione in via definitiva, versando la tariffa dovuta. L'amministrazione ha inoltre avviato le trattative per la collocazione di un nuovo forno crematorio mobile e per l'acquisizione di loculi fuori terra prefabbricati che potranno essere montati, previo rilascio dei pareri di legge, in tutti i cimiteri cittadini con adeguati spazi. Tra questi il cimitero dei Cappuccini, che ne dovrebbe ospitare 600.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le misure adottate dal sindaco, che ha trattenuto la delega ai Servizi cimiteriali dopo le dimissioni dell'assessore D'Agostino, puntano a mettere ordine nel principale camposanto della città, dove si registrano anche problemi nell'organizzazione del lavoro. La Reset ha liberato ogni due giorni 24 nicchie ma chi dovrebbe assegnarle non c'è. Il funzionario di competenza è andato in ferie e solo ieri è arrivato il sostituto. In questi giorni si è anche riempito il cassone dove viene smaltito lo zinco della bare estumulate e la ditta che dovrebbe svuotarlo non è ancora intervenuta. Il cimitero è anche a corto delle cassette dell'ossario dove vengono conservati i resti mineralizzati dei defunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento