rotate-mobile
Cronaca Ciaculli

Molotov contro casolare a Ciaculli, fermato un anziano

Deve rispondere di tentato omicidio, lesioni aggravate e porto abusivo di armi da guerra. L'esplosione delle bottiglie incendiarie, piene di benzina e pezzi di ferro, ha gravemente ferito una coppia di fidanzati

Svolta nelle indagini per il tentato omicidio di Umberto Geraci e Jessica Modica, i fidanzati di 22 e 23 anni rimasti gravemente feriti lunedì mattina per l'esplosione di alcune molotov nel casolare di Ciaculli in cui si trovavano. Gli agenti della squadra mobile diretta da Rodolfo Ruperti hanno fermato Benedetto Fici, pregiudicato di 77 anni. Deve rispondere di tentato omicidio, lesioni aggravate e porto abusivo di armi da guerra.

L'USCITA DALLA QUESTURA/VIDEO

"Abbiamo lavorato senza sosta - ha spiegato Ruperti - ricostruendo alcuni fatti risalenti anche ad un anno fa. Tra cui un incendio di un altro luogo abbandonato, episodio però che non era stato denunciato. Abbiamo raccolto diversi elementi e dichiarazioni tra cui il modello di macchina usata e il colore da parte di una persona di etè anziana". Le indagini non si sono chiuse con questo fermo. E le parole di Ruperti fanno presagire che potrebbero esserci ulteriori sviluppi nei prossimi giorni.

Esplosione a Ciaculli, 2 feriti

Fici sarebbe stato infastidito dalla presenza di due giovani. Geraci da circa sei mesi viveva nell'edificio di fortuna in via Tenaglia, a Ciaculli, senza luce nè acqua, andando avanti con lavori saltuari. Lo aiutava la famiglia di lei. Lunedì mattina erano all'interno del casolare quando sono stati raggiunti dalle bottiglie incendiarie, piene di benzina e pezzi di ferro. La ragazza ha riportato ustioni sul 20% del corpo, mentre il ragazzo è stato ridotto in fin di vita e si trova nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Civico. Ancora da chiarire i motivi che hanno portato all'aggressione.

arresto fici molotov ciaculli-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molotov contro casolare a Ciaculli, fermato un anziano

PalermoToday è in caricamento