Chiusa Sclafani, magnete nascostro dietro un peluche: arrestata titolare di un bar

Il trucco che le aveva consentito di ridurre i consumi di energia necessari ad alimentare l'esercizio commerciale. Dopo la convalida dell'arresto è stata condannata a otto mesi di reclusione

Con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato a Chiusa Sclafani la titolare di un bar. Durante un'ispezione nel locale i militari, insieme a personale dell'Enel, hanno accertato che la 35enne - L.M.P. - aveva sistemato un magnete sopra il contatore dell'energia, camuffandolo dentro un peluche. Un trucco che le aveva consentito di ridurre i consumi di energia necessari ad alimentare il bar. Dopo la convalida dell'arresto è stata condannata a otto mesi di reclusione e 300 euro di multa con pena sospesa. Da quantificare invece la somma che dovrà versare alla società erogatrice (l'Enel) per il danno subito.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

Torna su
PalermoToday è in caricamento