menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nobildonna minacciata di morte, chiude Palazzo Federico: niente "Vie dei Tesori"

La decisione è stata presa dalla contessa Alvine Federico dopo i numerosi tentativi di intrusione nella dimora, molta conosciuta in città, da parte di alcuni uomini: "Hanno fatto il segno di tagliarci la gola"

Le porte resteranno chiuse. Visite ufficialmente sospese al Palazzo Conte Federico di via Biscottari, in via vista della manifestazione le Vie dei Tesori, che parte venerdì. La decisione è stata presa dalla contessa Alvine Federico, nobildonna palermitana, dopo i numerosi tentativi di intrusione nella dimora nel cuore di Ballarò, da parte di alcuni uomini. Il blitz sarebbe stato ripreso anche dalle telecamere. La donna ha presentato l'ennesima denuncia.

“E’ da alcune settimane che soprattutto un uomo tenta di entrare nel palazzo. Cerca di scassinare il portone e tenta di entrare nella dimora – dice Alvine Federico –. L’ultima volta la scorsa sera. Anche questa volte le telecamere hanno ripreso il tentativo di intrusione. Le immagini sono chiarissime tanto che abbiamo stampato la foto dell’uomo e l’abbiamo appesa al portone”.

Chiude così "per paura" il palazzo medievale, attrazione per i turisti anche per le sue due bifore intatte, una normanna e una aragonese. “Questa notte è successo qualcosa di più grave. Lo stesso uomo è venuto davanti al portone ha strappato la foto e poi rivolto alle telecamere ha fatto il segno di tagliarci la gola – aggiunge Alvine Federico –. Noi siamo molto spaventati. Per questo abbiamo deciso di non consentire le visite nel corso della manifestazione per evitare che qualcuno potesse approfittare della visita per cercare nuove via di accesso al nostro palazzo. Chiediamo alla polizia protezione contro questi delinquenti. Il centro storico di Palermo è bellissimo e va vissuto. Ma non si può vivere nel terrore”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento