menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una serata alla Cuba

Una serata alla Cuba

Chiude la Cuba, storico locale: stasera la serata d’addio?

L'indiscrezione ha iniziato a girare su Facebook, secondo i rumors già domani mattina verranno messi i lucchetti al cancelletto verde. Il tempio glamour delle notti palermitane sarebbe un'altra vittima eccellente della crisi

La Cuba potrebbe chiudere i battenti. La clamorosa indiscrezione, che ha iniziato a girare su Facebook, è stata ripresa dal sito web del magazine Cult. Sul social network ci sarebbe un invito a partecipare all’ultima serata organizzata nel locale di Villa Sperlinga proprio stasera, martedì 6 marzo. Se così fosse, in molti non vorranno perdersi una serata “storica”.

Secondo quanto si legge su Cult, il tempio glamour delle notti palermitane sarebbe un’altra vittima eccellente della crisi. Secondo i rumors, infatti, i lucchetti scatterebbero già da domani mattina per morosità dell’attuale gestione, la Bi.Sa. di Giuseppe Saviano. Sui tempi della chiusura però c’è incertezza perché la Boldrini’s, proprietaria della licenza, dovrà decidere se e come proseguire l’attività. Persino il sito del bistrot è già ko perché il ragioniere che ha acquistato il dominio è stato uno dei primi ad essere licenziati.

La storia della Cuba, ospitata nell’ex casina di caccia della tenuta Whitaker, inizia 15 anni fa quando Mario De Martino rispose al bando del Comune per l’assegnazione del bene patrimoniale di fine Ottocento, in stile arabo normanno dalle classiche cupolette rosa. Insieme al figlio Simone e con la direzione di Marco Sambiagio trasformano il locale nel punto di ritrovo per l’elite cittadina. Dall’aperitivo, alle feste, alle riunioni di partito tutto in città sembra passare dai tavolini di questo esclusivo bar.

Dopo un paio d’anni dal debutto in grande, De Martino è costretto a cedere alla società Boldrini’s di Genova dell’amico Pierluigi Ferrari la proprietà che viene esercitata a distanza attraverso i direttori che negli anni si sono avvicendati, Michele Ferrucci e Corrado Arcoleo. Nell’estate del 2010 la Boldrini’s è disposta a cedere il locale per un milione e mezzo di euro. A raccogliere l’offerta per una cifra inferiore è proprio la Bi.Sa. di Giuseppe Saviano. Il ridotto giro d’affari, la mole di dipendenti e le spese di gestione non consentono, secondo le notizie raccolte, di onorare l’accordo e Ferrari è costretto a tutelarsi riprendendosi il bene.

Nei prossimi giorni – sempre secondo quanto riporta Cult - comunque è previsto un incontro tra Ferrari e i dipendenti per definire il destino della Cuba e dei suoi lavoratori. Per gli avventori, invece, di certo c’è che stasera alle 21,30 si svolgerà la serata di addio o di arrivederci, affidata all’organizzazione di Alessandro Di Dio e con la musica dei deejay Roberto Nicastro e Marcello Leone. L’ingresso sarà gratuito in lista e riservato ai clienti storici del locale. Sarà solo una trovata pubblicitaria? Ai (clienti) posteri l'ardua sentenza.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento