menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Scusi ha un bicchiere d'acqua?", così due donne derubano una pensionata

Con una scusa banale hanno ingannato un'anziana settantenne residente in via Imera che le ha fatte entrare in casa. I carabinieri le hanno trovate qualche ora dopo, con loro anche una terza complice minorenne

E' bastata la più ingenua e semplice delle scuse, un bicchiere d’acqua, per riuscire ad entrare nell’appartamento di una anziana pensionata e rubare 160 euro in contanti. I Carabinieri hanno così arrestato con l’accusa di furto aggravato V.B., pregiudicata di 21 anni, nata a Segrate in provincia di Milano e D.G nata a Zagabria in Croazia di 31 anni, entrambe stanno a Palermo senza fissa dimora.

Grazie all’intervento di un testimone e del nipote della donna derubata la pensionata settantenne è stata ascoltata da una pattuglia di carabinieri che si trovavano in via Imera nei pressi del luogo in cui è avvenuto il furto. Le due malintenzionate le avevano chiesto di potere bere un bicchiere d’acqua ed una volta in cucina ed accertatesi che la donna fosse sola in casa hanno operato il furto grazie all’aiuto di una terza complice minorenne.

L’anziana pensionata si è accorta della mancanza di 160 euro dal cassetto del comò in camera da letto solo dopo che le tre donne si sono dileguate. La stessa somma di denaro è stata trovata nelle tasche delle due perquisite dai carabinieri ed è stata restituita alla pensionata. Tratte in arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso, le due colpevoli sono state sottoposte al rito direttissimo a seguito del quale sono stati convalidati gli arresti. V. B. e D.G. sono state poi condannate alla misura della custodia cautelare in carcere e portate presso il carcere Pagliarelli a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento