rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
La cerimonia / Politeama / Piazza Vittorio Emanuele Orlando

Cerimonia al palazzo di giustizia, primo giorno per il procuratore generale Lia Sava

L'insedimanto ufficiale a circa un mese dalla nomina decisa dal plenum del Consiglio superiore della magistratura. Gli auguri del sindaco Leoluca Orlando: "La sua esperienza rappresenta un nuovo stimolo per cercare la verità sulle stragi di mafia"

Inizia l’era del procuratore generale Lia Sava. Si è svolta questa mattina al palazzo di giustizia di Palermo la cerimonia di insediamento per il magistrato, prima donna a ricoprire questo incarico, arrivato dalla Procura generale di Caltanissetta. Tra i presenti oggi pure il sindaco Leoluca Orlando: "Le rivolgo i miei auguri di buon lavoro. La sua grande esperienza - ha affermato - maturata in anni di inchieste delicatissime mirate a scoprire i rapporti perversi tra potere mafioso e politico rappresenta un nuovo importante stimolo per continuare a cercare, fino in fondo, la verità sulle stragi che hanno segnato la storia della Sicilia e dell'intero Paese".

Il procuratore generale, 58 anni, ha infatti ricoperto lo stesso ruolo a Caltanissetta, dove si è occupata anche dei processi per le stragi di mafia del 1992. La nomina di Lia Sava, che succede a Roberto Scarpinato, è stata decisa all’unanimità dal plenum del Consiglio superiore della magistratura. Ha svolto tutta la carriera tra la Puglia di cui è originaria, e Palermo, dove ha lavorato nella Dda sin dai tempi del procuratore Gian Carlo Caselli: ha condotto delicate inchieste su Cosa Nostra ed è stata tra i pm dell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. E' stata lei a rappresentare l'accusa nel processo d'appello denominato 'Borsellino quater' e nel processo 'Capaci bis', terminati con la conferma delle condanne di primo grado.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerimonia al palazzo di giustizia, primo giorno per il procuratore generale Lia Sava

PalermoToday è in caricamento