Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

"Al Centro per l'impiego impiegati minacciati", i sindacati chiedono l'intervento della Regione

Cobas-Codir, Sadirs e Siad denunciano una situazione "di tensione costante" e chiedono a Musumeci di “mantenere l'ordine pubblico a mezzo della polizia secondo quanto previsto dallo Statuto”

Il centro per l'impiego

"Nuovi episodi di minacce e aggressioni al Centro per l’impiego". La denuncia arriva dai sindacati, che chiedono al presidente della Regione di “mantenere l'ordine pubblico a mezzo della polizia di Stato secondo quanto previsto dallo Statuto”.

Una situazione di tensione costante, quella denunciata dai sindacati Cobas-Codir, Sadirs e Siad, che ha visto "i dipendenti ancora una volta nel mirino di un’utenza sempre più esasperata e disperata, che ha costretto più volte a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine". 

I sindacati, in una nota a firma di Fabrizio Masi, Franco Madonia e Angelo Lo Curto, tornano a denunciare "il gravissimo pericolo in cui versa il personale del Centro per l’impiego di Palermo e, in particolare, gli addetti al front-office, che prestano servizio, oltre che in mezzo a mille difficoltà logistiche, anche in costanti condizioni di pericolo per la propria incolumità. Nonostante le dichiarazioni di stampa del dirigente tendenti a sminuire il problema, nuovamente nei giorni scorsi i dipendenti sono stati vittime di episodi di minacce. Tali eventi si sono maggiormente verificati a seguito delle ultime iniziative rivolte alle misure di politica attiva per l'occupazione (validazione did on line, avvisi 20-21-22, ricollocazione, patti di servizio e Rei, Garanzia giovani) che hanno determinato un massiccio e costante afflusso di utenza in coda già dalle ore notturne. L’eccessivo numero di utenti presenti agli sportelli determina gravi tensioni che sfociano in attacchi violenti ai dipendenti”.

I sindacati autonomi dunque non ritengono “più tollerabile il colpevole silenzio e l’inattività dell’amministrazione” e invitano a dare risposte “concrete e immediate assicurando l’incolumità del personale e dare piena attuazione alle disposizioni di legge al fine assicurare le minime condizioni di sicurezza. Al presidente chiediamo intervenga, ai sensi dell’articolo 31, comma 1, del Titolo IV dello Statuto, con i suoi poteri e provveda al mantenimento dell'ordine pubblico a mezzo della Polizia di stato anche presso il Centro per l’impiego di Palermo”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Al Centro per l'impiego impiegati minacciati", i sindacati chiedono l'intervento della Regione

PalermoToday è in caricamento