Cronaca

Centro direzionale della Regione, lo studio Leclercq: "Auspichiamo una rapida soluzione"

In relazione al concorso internazionale per il Nuovo centro direzionale della Regione Siciliana, "nel pieno rispetto della procedura amministrativa in corso e in considerazione dell'importanza del progetto per l'opinione pubblica", interviene lo studio Leclercq Associés che in una nota precisa: "Dopo la temporanea sospensione della graduatoria, Leclercq Associés ha risposto alle richieste di informazioni della Regione Siciliana e ha ribadito che le dichiarazioni rese sono certamente veritiere e conformi con i requisiti del bando. A questo proposito sono stati forniti tutti gli argomenti utili a dimostrarlo. In particolare è stato chiarito che non ci sono mai stati rapporti di lavoro diretti fra lo studio Leclercq e l’architetto Mimram, presidente della Commissione aggiudicatrice. In sole tre occasioni c’è stata una partecipazione congiunta a grandi progetti, dove i due studi hanno intrattenuto rapporti esclusivamente con il committente, senza alcun vincolo lavorativo diretto. Inoltre la società esclude con certezza di essere “partner abituale di affari e di progetto” dei membri della giuria, condizione richiesta per la partecipazione. I progetti che vedono coinvolta la società risalgono a un periodo non recente, più precisamente tra il 2007 e il 2015, nel quale lo studio Leclercq Associés ha partecipato a centinaia di gare ed incarichi di progettazione internazionali. Per queste ragioni lo studio ritiene di aver agito in piena correttezza e auspica di poter presto procedere alla progettazione definitiva del Centro direzionale".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro direzionale della Regione, lo studio Leclercq: "Auspichiamo una rapida soluzione"

PalermoToday è in caricamento