Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Guanti "non a norma" venduti al centro commerciale: scatta il sequestro

La finanza è intervenuta in un negozio all'interno del Poseidon, a Carini. Ritirati dal commercio 1.600 dpi. Sulle confezioni un comune adesivo sostituiva il bollino di qualità e mancavano le indicazioni minime: produttore, importatore, luogo d’origine, istruzioni e precauzioni per l’utilizzo

Un comune bollino adesivo al posto del marchio di qualità e nessuna indicazione tecnica sul prodotto. In questo modo, in un negozio all'interno del centro commerciale Poseidon a Carini, erano venduti dei guanti in vinile. I finanzieri della locale tenenza sono intervenuti, nell’ambito dall’intensificazione dei controlli disposta dal comando provinciale, ed è scattato il sequestro di 1.600 articoli.

"I dispositivi di protezione individuale - spiegano le fiamme gialle - erano privi dei requisiti di conformità alle normative europee e nazionali. I militari hanno constatato che la merce posta in vendita era priva del marchio CE (sostituito con un bollino adesivo per trarre in inganno l’ignaro acquirente), non riportava sulle confezioni alcuna indicazione in lingua italiana ed era sprovvista delle ulteriori indicazioni minime (produttore, importatore, luogo d’origine, particolari istruzioni e precauzioni per l’utilizzo), previste dal Codice del Consumo".

Il rappresentante legale della società è stato segnalato alla locale Camera di Commercio. La legge prevede, oltre al sequestro amministrativo della merce, una sanzione pecuniaria da un minimo di 516 a un massimo di 25.833 euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guanti "non a norma" venduti al centro commerciale: scatta il sequestro

PalermoToday è in caricamento