Si sente male e sviene mentre passeggia al centro commerciale, salvato uomo

E' accaduto al Conca d'Oro. Un 81enne si è accasciato al suolo ed è stato aiutato da due operatori della struttura. La testimonianza di uno dei soccorritori: "Quasi 40 minuti di massaggio cardiaco... Non ci ho pensato un attimo: ero deciso a salvare quella vita e ci sono riuscito"

Tanta paura ieri al centro commerciale Conca d'Oro di via Lanza di Scalea, dove un uomo di 81 anni ha accusato un malore e si è accasciato per terra. L'anziano, che non respirava, è stato soccorso e salvato da due operatori del Centro.

“Quasi 40 minuti di massaggio cardiaco, alternato a due scosse lanciate dal defibrillatore. Non ci ho pensato un attimo: ero deciso a salvare quella vita. Non volevo fermarmi fino a quando il battito e il respiro non fossero tornati e, fortunatamente, ci sono riuscito”. Racconta Nicola Adamo, operatore anticendio e di primo soccorso della Ksm F.S. in servizio al centro commerciale Conca D’Oro. “Ricordo l’applauso delle persone che hanno assistito all’intervento e i complimenti dei sanitari arrivati con l’ambulanza. In quel momento ho sentito tutta l’emozione di esser riusciti a salvare una vita”, sottolinea Adamo. 

Sembrava una giornata di “ordinaria amministrazione” quando intorno alle 17,30 è stato lanciato l’allarme attraverso la radiotrasmittente in dotazione a tutti gli operatori antincendio e di primo soccorso in turno in galleria: un uomo si è accasciato improvvisamente a terra, ha sbattuto la testa e sembra non respirare. Nicola Adamo e il collega Paolo Tarantino, si precipitano. “Ho capito immediatamente che la situazione era grave. Il signore era cianotico, ho toccato il polso, il collo, ho accostato l’orecchio al petto. Non c’erano segnali di vita. Assieme a Paolo Tarantino abbiamo iniziato il massaggio. Siamo andati avanti per quasi 40 minuti. Il cuore del signore è ripartito una prima volta per poi tornare in arresto. Abbiamo continuato con ostinazione e, fortunatamente è avvenuto il secondo miracolo”. Attorno la folla assiste all’intervento con il fiato sospeso. Poi la notizia che tutti stavano aspettando: il battito è tornato. “Ero lucido – continua Adamo – grazie ai numerosi corsi che ho frequentato. Sapevo cosa dovevo fare”. L’uomo, N. L. di 81 anni, è stato poi trasportato all’ospedale Villa Sofia “Non ho dormito, tanta è stata l’adrenalina”, conclude Adamo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo orgogliosi dell’alta professionalità dimostrata sia da Adamo che da Tarantino – spiega Antonio Biagianti, direttore del Conca D’Oro – . La competenza unita alla passione di tutti i nostri collaboratori sono per noi un vanto e ne andiamo fieri ogni giorno”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento