menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La precisazione della Regione: "I centri estivi per l'infanzia potranno aprire da domani"

Una circolare a firma del capo della Protezione civile regionale, Calogero Foti, fa chiarezza

I centri estivi per infanzia potranno aprire da domani. Lo fa sapere la Regione che attraverso una nota ha precisato quanto riportato nell'ordinanza firmata ieri sera da Musumeci. "Il provvedimento faceva riferimento ai servizi per l'infanzia e l'adolescenza secondo cui 'è consentita l’attività a decorrere dal 22 giugno 2020, previo decreto attuativo dell’assessore regionale della Famiglia e delle politiche sociali, d’intesa con l’assessore regionale per la Salute, da emanarsi entro il 21 giugno 2020 la cui  riapertura è posticipata a giorno 25 giugno". Un provvedimento dunque che non riguarda i cosiddetti centri estivi, ossia luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative.

"Pertanto - sottolineano dalla Regione - sono consentite da domani, 15 giugno 2020, le attività dei centri estivi, essendo espressamente previsto dall'articolo 1, let. c, del Dpcm 11 giugno 2020 che "è consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidare la custodia e con obbligo di adottare appositi Protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle Linee guida del dipartimento per le Politiche della famiglia".

"Questo richiamo della normativa nazionale - chiarisce una circolare a firma del capo della Protezione civile regionale, Calogero Foti - è già contenuto nell’ordinanza, sicchè appare del tutto infondato il timore rappresentato da alcuni operatori di settore. Da aggiungere, inoltre, che la Sicilia ha deciso di anticipare anche l’apertura degli altri servizi al 22 giugno, mentre a livello centrale non è prevista".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento