Cronaca

“Corsia preferenziale per ricoveri” I nas al San Raffaele di Cefalù

I carabinieri stanno passando al setaccio la direzione e i reparti di chirurgia. Sarebbe stata accertato che il direttore, Pierenrico Marchesa, con la compiacenza di altri colleghi avrebbe fatto eludere ai suoi pazienti le attese per le degenze

L'ospedale San Raffaele Giglio di Cefalù

I carabinieri del Nas di Palermo, in esecuzione di un decreto emesso dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese stanno effettuando perquisizioni alla direzione e in alcuni reparti di Chirurgia dell'ospedale ''San Raffaele - G. Giglio'' di Cefalù. (GUARDA IL VIDEO)

Le indagini, coordinate dal procuratore Alfredo Morvillo e dai sostituti Giacomo Brandini e Simone De Roxas – si legge in una nota dei carabinieri - hanno consentito ai militari di accertare una sistematica gestione privatistica della struttura pubblica da parte del direttore dell'Unità Operativa di Chirurgia Generale, Pierenrico Marchesa, che con la compiacenza dei colleghi anche di altri reparti, permetteva a suoi pazienti, visitati privatamente presso una importante struttura poli-specialistica ed una clinica privata convenzionata di Palermo, di eludere le procedure per la programmazione dei ricoveri, accedendo all'ospedale in urgenza attraverso il pronto soccorso e scavalcando le liste d'attesa, a scapito di malati (anche oncologici) che attendevano da tempo di essere operati.

Inoltre i carabinieri del Nas hanno rilevato diversi casi di persone sottoposte ad interventi senza essere ricoverate, con conseguenti somministrazioni (per la terapia del dolore) di farmaci stupefacenti che venivano annotate nelle cartelle cliniche di ignari pazienti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Corsia preferenziale per ricoveri” I nas al San Raffaele di Cefalù

PalermoToday è in caricamento