Catturava uccelli con reti ed esche vive: bracconiere arrestato dai carabinieri

Francesco Paolo Fiore, palermitano di 28 anni, è stato colto in flagranza di reato nelle campagne di Calatafimi. Per la crudeltà del sistema utilizzato è stato anche denunciato per maltrattamento di animali. Processato con rito direttissimo è stato condannato a 6 mesi di domiciliari e 600 euro di multa

Sorpreso in flagranza di reato a catturare di frodo uccelli. Un palermitano di 28 anni, Francesco Paolo Fiore, è stato arrestato a Calatafimi (in provincia di Trapani) dai carabinieri forestali della sezione operativa Reati a danno degli animali, unitamente a militari del Centro anticrimine natura di Palermo-Nucleo Cites, durante un'operazione antibracconaggio denominata "Adorno".

Il bracconiere, recidivo (aveva precedenti per vendita di uccelli selvatici al mercato di Ballarò), è stato sorpreso lunedì in località Inici-Castello intento a catturare uccelli attraverso un sistema di reti comandate da un meccanismo a scatto azionato manualmente. Dentro la rete, Fiore aveva messo degli uccelli vivi, con ali e zampette legate a dei paletti, come richiamo per le sue prede.

In suo possesso sono stati trovati 9 esemplari di cardellino (specie protetta che appartiene al patrimonio indisponibile dello Stato). Per questo motivo è scattata la contestazione del reato di furto venatorio. Per la crudeltà del sistema utilizzato, il 28enne è stato anche denunciato per maltrattamento di animali. La strumentazione rinvenuta è finita sotto sequestro, mentre i cardellini sono stati immediatamente liberati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Finito ai domiciliari, ieri si è svolta l’udienza di convalida con rito direttissimo. Il giudice ha convalidato l’arresto applicando l’obbligo di dimora a Palermo e di non allontanarsi dalla propria abitazione dalle 20 alle 7. A seguito di richiesta di giudizio abbreviato avanzata dall’imputato, il giudice ha confermato l’intero impianto accusatorio condannando Fiore a 6 mesi di reclusione e 600 euro di multa, non concedendo il beneficio della sospensione condizionale della pena, in quanto recidivo. L'uomo è stato infatti denunciato per gli stessi reati poco più di un mese fa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento