Una catena umana "per Mario": studenti della scuola Pecoraro "abbracciano" Francese

I ragazzi hanno esibito anche dei cartelli con l'hashtag "Io sto con Borrometi", esprimendo vicinanza al giornalista siciliano in questi giorni vittima di minacce. In piazza Francese inaugurata anche una targa dedicata alla memoria del cronista assassinato dalla mafia

Una catena umana "Per Mario" attorno alla targa dedicata alla memoria di Francese, cronista di giudiziaria del Giornale di Sicilia, assassinato dalla mafia. Così gli studenti della scuola media Antonino Pecoraro hanno deciso di ricordare il giornalista. Un modo per abbracciarlo idealemente. Domani ricorrerà il quarantesimo anniversario del suo omicidio.

Gli studenti hanno esibito dei cartelli con la scritta “Per Mario” e altri manifesti con l’hashtag “Io sto con Borrometi”, esprimendo vicinanza al giornalista siciliano in questi giorni vittima di minacce che, sempre domani, al teatro Santa Cecilia riceverà il premio "Giuseppe Francese". 

Alla manifestazione ha partecipato anche Giulio Francese, presidente dell’Odg Sicilia, nonché figlio della vittima commemorata, che con parole commosse di stima e di fiducia, ha riposto speranza nelle generazioni future, affinché, attraverso la memoria, possano comprendere il vero valore della verità e del rispetto dell’ordine pubblico, nonché della condivisione di regole ferree per vivere una cittadinanza consapevole.
Presente anche il sindaco Leoluca Orlando e il Comitato educativo della Sesta circoscrizione, istituito nel 2016 per promuovere e valorizzare il territorio, composto da diverse figure professionali e pubbliche istituzioni che, costantemente, mettono a disposizione le proprie competenze per il bene comune. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento