Cronaca

Non si fermano al posto di blocco, poi lanciano eroina dal finestrino: presi

Una folle fuga, poi tre uomini sono stati bloccati e arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a pubblico ufficiale. Il controllo dei carabinieri è avvenuto sulla statale 643 all'altezza di Castellana

L'autostrada Palermo-Catania è chiusa, e allora i carabinieri hanno deciso di spostare l'attenzione sulle statali. E proprio sulla 643, all'altezza di Castellana Sicula, i militari hanno arrestato tre persone con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a pubblico ufficiale.

I tre - a bordo di un’Alfa Romeo 156 proveniente da Palermo - giunti all’altezza del bivio Donalegge, si sono imbattuti in un posto di controllo dei carabinieri, che avendo notato l’atteggiamento sospetto dei fermati ed in modo particolare dell’autista, hanno deciso di intimare l’alt. Il conducente invece di fermarsi, ha iniziato ad accelerare dandosi alla fuga. E’ iniziato così un lungo inseguimento, nel corso del quale i carabinieri hanno notato che uno degli uomini  in fuga, con un gesto veloce ha lanciato qualcosa dal finestrino. Dopo quasi due chilometri, i fuggitivi sono stati bloccati.

Dopo accurate ricerche nella zona, è stato possibile individuare e recuperare l’involucro gettato durante la folle corsa. All’interno della confezione sigillata e chiusa con il cellophane, i carabinieri hanno rinvenuto 40 grammi di eroina. Sono finiti in caserma A.C., 49 anni, R.M.B., 47 anni e T.K., tunisino, di 36 anni. I tre sono stati poi portati al Cavallacci di Termini Imerese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si fermano al posto di blocco, poi lanciano eroina dal finestrino: presi

PalermoToday è in caricamento