Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Cinghiali sbranano vitello a Castellana Sicula, l'Sos del sindaco: "Sono dentro il paese"

Secondo il primo cittadino, Francesco Calderaro, l'unica soluzione è l'abbattimento: "Sono cresciuti a dismisura, si parla di almeno 10 mila esemplari. Non vorrei che per agire si debba aspettare il morto"

Un vitellino da latte è stato ucciso da un gruppo di cinghiali in un'area abitata a Castellana Sicula. Il fatto ha fatto scattare l'allarme. Il sindaco Franco Calderaro, preoccupato per l'accaduto, ha annunciato che scriverà al prefetto di Palermo per poter procedere con l'abbattimento e riportare il numero dei suidi sotto una soglia gestibile: "Non è mai successo che un gruppo di cinghiali arrivasse fin dentro il paese. In questi anni abbiamo registrato l'assenza del governo regionale e quello nazionale su un tema così delicato di sopravvivenza, qui nelle Madonie. Siamo vittime dei cinghiali che sono ormai cresciuti a dismisura, si parla di almeno 10 mila esemplari. Non vorrei che per agire si debba aspettare il morto".

Il primo cittadino chiede anche un intervento al Parco delle Madonie che gestisce il territorio, "anche perché sono stati i tecnici dell'ente a introdurre i cinghiali nei boschi madoniti".

Il problema riguarda anche Palermo dove il Comune ha emesso un'ordinanza ad hoc con la quale viene sollecitata la Rap "in via contingibile ed urgente" a intervenire in via immediata per rimuovere tutti i rifiuti abbandonati lungo le strade ed aree dei quartieri Addaura, Arenella, Acquasanta, Vergine Maria, oltre alle aree vicine alla riserva naturale orientata di Monte Pellegrino“. Numerose, infatti, sono stati gli avvistamenti di cinghiali in quelle zone. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinghiali sbranano vitello a Castellana Sicula, l'Sos del sindaco: "Sono dentro il paese"

PalermoToday è in caricamento