Anche a Casteldaccia una panchina rossa contro la violenza sulle donne

L'iniziativa rientra nell'ambito delle attività svolte dalla Rete Territoriale Antiviolenza Amorù per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto e la presidente della Fidapa Sezione Casteldaccia Antonella Romano, in collaborazione con la Rete Territoriale Antiviolenza Amorù, hanno inaugurato la panchina rossa di piazza Matrice. L'iniziativa rientra nell'ambito delle attività svolge sotto l'hashtag #nonsoloil25 per continuare a ricordare la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

La Rete Territoriale Antiviolenza Amorù è una progetto promosso da Life and Life e sostenuto da Fondazione con il Sud, di cui è partner anche l'Associazione Benessere Lab. All'inaugurazione erano presenti, oltre al sindaco Giovanni Di Giacinto, la vicepresidente del Consiglio Giusi Citraro, l'assessore alle Pari opportunità Francesca Fricano, la consigliera Susanna Liga, la presidente Fidapa Antonella Romano che con le socie della sezione Casteldaccia hanno organizzato la manifestazione nel rispetto delle normative anti-covid.

Presente anche la Coordinatrice Rete Territoriale Antiviolenza Amorù Liliana Pitarresi che ha sottolineato "come sia sempre importante, al di là della giornata del 25 novembre ormai istituzionalizzata, mantenere alta l'attenzione e non fermarsi mai nelle attività di sensibilizzazione nelle scuole e nei territori. Ecco perché l'iniziativa di oggi è lodevole, perché la panchina rossa è stata collocata grazie alla disponibilità del Comune, nel fulcro della vita comunitaria, nella piazza centrale, un simbolo tangibile e visibile che possa sempre ricordare i tanti posti vuoti che le donne non posso più occupare, a causa della ferocia violenza maschile che ha posto fine alla vita delle donne".

Torna su
PalermoToday è in caricamento