La scomparsa dei Maiorana, dopo 12 anni di indagini la Procura chiede l'archiviazione

L'imprenditore Antonio Maiorana e il figlio Stefano sono scomparsi nel nulla nell'agosto 2007. La richiesta avanzata dal pm Roberto Tartaglia dovrà ora essere valutata dal gip, che potrebbe disporre nuove indagini, ma anche chiudere il caso

Antonio e Stefano Maiorana

Nell'agosto del 2007 la scomparsa dell'imprenditore Antonio Maiorana e del figlio Stefano, nel 2016 l'iscrizione nel registro degli indagati di due persone per omicidio e oggi la richiesta di archiviazione delle indagini. Secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, a due anni e mezzo da quella che sembrava una svolta nell’inchiesta, la Procura ha invece chiesto l’archiviazione del fascicolo: gli inquirenti ritengono di non avere gli elementi sufficienti per sostenere l’accusa di omicidio a carico del costruttore Francesco Paolo Alamia e di Giuseppe Di Maggio, di Torretta, titolare di una piccola ditta di movimento terra.

La richiesta avanzata dal pm Roberto Tartaglia dovrà ora essere valutata dal gip, che potrebbe disporre nuove indagini, ma anche decidere di chiudere il caso.

I corpi dei due imprenditori, visti per l'ultima volta in un cantiere di Isola delle Femmine, non sono mai stati trovati. La loro auto, una Smart, venne ritrovata nel parcheggio dell'aeroporto di Punta Raisi, ma dalle indagini emerse che i due non avevano preso alcun volo.

La richiesta di archiviazione è stata notificata dai carabinieri all’ex moglie di Antonio Maiorana, Rossella Accardo. La donna in occasione del decennale della morte dell'altro figlio, Marco, era tornata a chiedere verità. "Chiunque ha un dato, un elemento utile a sapere cosa è accaduto ai miei figli, mi scriva in forma anonima", aveva detto. La decisione della Procura è per la donna una doccia fredda: "È un fallimento e con il mio ultimo intervento, quando ero del tutto all’oscuro di questa volontà da parte della Procura, volevo proprio sollecitare ulteriormente gli inquirenti. Non ho mai mollato la presa, ma la nostra famiglia è devastata. Io stessa vivo giorni terribili, sto male anche fisicamente, e sto cercando di resistere con tutte le mie forze perché penso di avere il diritto di sapere che fine abbiano fatto Antonio e Stefano. Tutti i nostri dubbi a oggi non sono stati chiariti dagli investigatori, ci sono tante cose strane che non hanno trovato una spiegazione e che dovrebbero essere invece approfondite. Continuo a pensare che ci sono persone che sanno qualcosa e che potrebbero parlare".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ormai..

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente al Villaggio, donna investita da un’auto davanti a una scuola: è grave

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

  • Cronaca

    Omicidio Manzella, nottata di interrogatori: fari accesi sul mondo della droga

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento