rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
I sindacati rilanciano l'appello

Scuole in difficoltà nella gestione dei casi Covid, i presidi: “Un'impresa contattare le Usca"

Flc e Cgil raccontano di segnalazioni di positivi rimaste in attesa di riscontro da parte dei medici per diversi giorni e chiedono al ministero di intervenire per semplificare e chiarire le procedure in carico ai dirigenti scolastici

A poco meno di una settimana dalla ripresa delle lezioni, nelle scuole l'emergenza Covid è già ingestibile. A sostenerlo sono Flc e Cgil che raccogliendo l'appello di decine di presidi in difficoltà denunciano enormi difficoltà da parte di quest'ultimi a contattare l'Usca Scuole, le unità di medici ai quali i dirigenti scolastici devono inoltrare tempestivamente le segnalazioni dei positivi, attivando le procedure di loro competenza. 

Le segnalazioni per diversi giorni rimarrebbero in attesa di riscontro da parte dei medici di Usca Scuole. “Comprendiamo che siano invase da mail e da telefonate e ci chiediamo chi sia il referente Covid nominato per la provincia di Palermo”, chiedono il segretario generale Flc Cgil Palermo Fabio Cirino e il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo, che lanciano un appello alle istituzioni affinché sostengano il lavoro quotidiano dei dirigenti scolastici e di tutta la comunità scolastica "in trincea" in questa fase di recrudescenza pandemica.“Non basta solo volere, come è giusto, la scuola in presenza. Bisogna creare - aggiungono i sindacalisti - le condizioni affinché questo avvenga, considerando tutto il sistema e non solo le mere attività didattiche che si svolgono in classe. Le numerose telefonate che stiamo ricevendo  da parte dei dirigenti scolastici mostrano le difficoltà operative che stanno vivendo nella gestione dei casi Covid e soprattutto nelle relazioni quasi impossibili con le Usca”. 

Lunedì prossimo, alle 15, la Flc Cgil nazionale in un incontro al ministero dell’Istruzione segnalerà tutte le difficoltà evidenziate sul territorio dai dirigenti scolastici su questi ed altri problemi, tra cui la sostituzione del personale non vaccinabile, le indicazioni di alcune Asl e di alcuni assessorati regionali sulle procedure di gestione dei tracciamenti che esulano dalle prerogative di questi organi e sono spesso in contrasto con il dettato normativo, oltre a creare disorientamento nelle famiglie. La Flc Cgil intende chiedere al ministero un intervento per semplificare e chiarire le procedure in carico alle scuole. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole in difficoltà nella gestione dei casi Covid, i presidi: “Un'impresa contattare le Usca"

PalermoToday è in caricamento