menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso della clinica Noto

L'ingresso della clinica Noto

Due dipendenti positive al Coronavirus, chiusa la clinica Noto

La direzione della casa di cura ha chiuso la struttura, bloccato gli accessi e disposto la sanificazione dei locali. Registrati altri due casi negli ospedali: un paziente di Villa Sofia che doveva essere operato e una dipendente del reparto di Pediatria del Cervello. Tamponi a tappeto

Due casi di Coronavirus fra i dipendenti della clinica Noto. La direzione della casa di cura di via Dante ha comunicato la chiusura della struttura bloccando i ricoveri e gli altri accessi nonché disponendo la sanificazione dei locali. La prima a risultare positiva è stata una dipendente "per contatti avuti dalla stessa all’esterno", precisa il direttore sanitario Giovanni Centineo. Dopo il contact tracing e gli altri tamponi effettuati, sotto il coordinamento dell’Azienda sanitaria provinciale, una seconda dipendente è risultata positiva. I due casi di ieri sono i primi registrati alla clinica Noto sin dalla fase del lockdown.

Negli ultimi giorni, caratterizzati da una lenta ma costante crescita dei contagi, anche un paziente del reparto di Chirurgia plastica e Maxillo-facciale di Villa Sofia è risultato positivo poco prima di un intervento. Secondo quanto ricostruito l’uomo si era sottoposto all’accertamento nella fase di prericovero risultando negativo. Dopo aver manifestato dei sintomi febbrili l’uomo è stato nuovamente sottoposto a tampone e, una volta accertato il contagio, per lui è scattato il trasferimento nel reparto Covid dell’ospedale Cervello con un’ambulanza attrezzata per il biocontenimento. "La sua stanza e il percorso fatto in uscita - precisano da Villa Sofia - sono stati sanificati".

Già ieri il responsabile dell’unità operativa aveva tracciato i contatti e consegnato una lista contenente i nomi del personale medico e infermieristico per il quale sarebbe stato necessario eseguire i tamponi. Entro il tardo pomeriggio si avranno i risultati per chiarire se al contagio del paziente ne siano seguiti altri. I primi accertamenti però non avrebbero confermato altri casi nel reparto. "Abbiamo chiuso gli ambulatori della Chirurgia plastica - aggiungono dall’ospedale - e sospeso le attività, bloccando inoltre l’accesso di familiari e visitatori". Sempre ieri la direzione medica, dopo il caso di Covid-19 nel reparto di Neurologia, ha spostato l’attività ambulatoriale dal terzo al quarto piano del padiglione Geriatrico.

Dal caso del paziente di Villa Sofia positivo si passa poi a quello di una dipendente del reparto di Pediatria del Cervello. E’ stata lei stessa, dopo essere stata in contatto nelle scorse settimane con una persona esterna all’ospedale poi risultata positiva, a segnalare la situazione alla direzione. In questo modo sarebbe riuscita ad arginare una catena di contagi che diversamente avrebbe rischiato di essere fuori controllo. Anche in questo caso è stata stilata una lista di medici e infermieri che le sarebbero stati vicini: per tutti loro la prima tranche di tamponi è risultata negativa. Adesso sia lei che il marito, anche lui positivo e asintomatico come la moglie, sono stati sottoposti a isolamento domiciliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento