Ciaculli, piove dentro una casa popolare: sala da pranzo chiusa per "pericolo crollo"

L'abitazione si trova al secondo e ultimo piano di una palazzina in via Giovanni di Luigi. Le infiltrazioni d'acqua dal tetto. I vigili del fuoco hanno vietato all'inquilina di utilizzare la stanza: "Ho paura per la mia salute e per quella dei miei nipotini, il Comune intervenga"

Le infiltrazioni nella sala da pranzo

Vietato entrare nella sala da pranzo di una casa popolare a Ciaculli: ci piove dentro e per motivi di sicurezza i vigili del fuoco l'hanno chiusa. "C'è il pericolo distacco intonaco", si legge nel verbale redatto dal comando provinciale. Da qui "la diffida al non utilizzo della sala da pranzo fino a successiva riverifica".

"Sono venuti il 27 marzo - racconta l'inquilina a PalermoToday - e dopo aver controllato tutta la casa mi hanno detto di non utilizzare la stanza, ma a casa mia piove anche nell'ingresso, nel corridoio e in cucina". L'acqua si infiltra dal tetto. L'appartamento dove Rosa Maffiola vive da 30 anni, e dove da un po' abitano anche i suoi tre nipoti minorenni, si trova infatti al secondo e ultimo piano di una palazzina in via Giovanni di Luigi.

"Cinque anni fa ad agosto - continua l'inquilina - il Comune, proprietario dell'immobile, ha mandato gli operai a sistemare il tetto mettendo una guaina, ma non è servito a nulla. Sono anni che cerco di risolvere il problema ma niente. Io pago l'affitto e non posso vivere in una casa umida e pericolosa. Qualcuno venga a sistemare il problema una volta per tutte".

L'assessore al Patrimonio Roberto D'Agostino replica: "Ho provveduto a girare la segnalazione agli uffici di edilizia privata, competenti a gestire il problema. Non eravamo a conoscenza della situazione, nessuno ci aveva avvisato: nè la signora nè i vigili del fuoco. Ci risulta soltanto una segnalazione per infiltrazione d'acqua nella stessa palazzina ma a nome di un'altra persona".

L'intonaco del soffitto - come mostrano le foto - è pieno di umidà e potrebbe cedere. Nelle immagini oltre alla sala da pranzo si vede il tetto anche dell'ingresso e della cucina. All'ingresso, acconto alla porta, si trova il salvavita. E' questo il motivo per cui Maffiola ha chiamato i vigili del fuoco affinchè affettuassero un controllo: "I vigili del fuoco mi hanno detto che i fili sono ricoperti dalla plastica e che quindi non sono in pericolo. La sera stessa però a casa mia c'è stato un corto circuito: l'acqua ha raggiunto i fili del lampadario che si trova nel corridoio e io sono rimasta tre giorni senza luce. Avevo ed ho paura per la mia salute e per quella dei miei nipotini". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento