menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per le vie del quartiere sfilano i diritti dell'infanzia, è il Carnevale alla Noce

Un lungo corteo formato da quasi 2 mila persone tra bambini, genitori, insegnanti e residenti questa mattina ha colorato le strade. Il presidente della V circoscrizione Fabio Teresi: ""Una straordinaria giornata di festa"

Si è chiuso intorno alle 13 di questa mattina, con l'esibizione della banda musicale “A suon di scarti”, il “Carnevale alla Noce”. Un lungo corteo formato da quasi 2 mila persone tra bambini, genitori, insegnanti e residenti ha colorato le strade del quartiere. A partire dal “Giardino Di Salvo”, infatti, continuando per via Noce, via Lancia di Brolo, via Tommaso Aversa e via Angelo Poliziano, le strade sono state animate dai costumi, dalla musica, ma anche dalle riflessioni dei bambini, maturate grazie a un percorso che ha previsto spettacoli, laboratori musicali e artistici.

"Un progetto formativo - dice la preside Giovanna Genco - che ha visto coinvolti 700 alunni della D.D. De Amicis che insieme ai docenti e ai genitori, sono scesi in piazza cantando, suonando e ballando per rivendicare quanto stabilito dall'art. 31 della Convenzione sui diritti dell'infanzia: il diritto di riposarsi, giocare, fare sport, esprimere la propria creatività e partecipare alla vita artistica e culturale del Paese in cui vivono. E' stato un momento di festa che ha coinvolto tutto il quartiere e che speriamo di ripetere anche il prossimo anno".

Una festa attesa con trepidazione dagli alunni delle scuole Edmondo De Amicis e del Centro diaconale La Noce di Palermo, coinvolti già da dicembre nelle diverse attività previste dal progetto, e che per l’occasione hanno preparato, insieme agli insegnanti, disegni, striscioni, canzoni e poesie che hanno contribuito a trasformare questo Carnevale in un’occasione di riflessione sulla tematica dei diritti e della partecipazione. 

"Una straordinaria giornata di festa anche nelle borgate palermitane. Grazie alle collaborazione tra istituzioni, associazioni e scuole abbiamo potuto offrire una bella giornata anche ai bambini del quartiere Noce", afferma con soddisfazione Fabio Teresi, presidente della V circoscrizione.

Insieme ai diritti e al Carnevale, si parla anche di valorizzazione delle differenze, come sottolinea Lillo Hans Falci, responsabile del settore scolastico dell’Istituto Valdese di Palermo: "Quella di oggi è stata una bella giornata di festa e di riflessione su un tema molto caro alla comunità Valdese, quello dei diritti e delle libertà per tutte le minoranze, ma è stata anche l’occasione per ricordare e condividere un principio estremamente significativo: le differenze possono essere realmente vissute come valore e come arricchimento e che è possibile sconfiggere le resistenze che producono sospetto, odio e paura".

"Con questo progetto - dice Salvatore Massa, presidente dell’associazione ‘a Strummula - intendevamo far riscoprire ai bambini, il significato originario del Carnevale, che rappresentava soprattutto, grazie proprio all’utilizzo della maschera, giocosa ma anche rivoluzionaria e ribelle, quel momento di rivalsa e di rivendicazione di quelle libertà che non trovavano spazio nella vita quotidiana, in un momento storico in cui non ci si poteva permettere di farlo alla luce del giorno, come purtroppo ancora oggi accade alle classi più deboli. E in un contesto multiculturale e popolare come quello del quartiere Noce, la manifestazione conclusiva di oggi, ha assunto un valore sociale e culturale ancora più forte".

Il progetto è stato promosso dall’Associazione ‘a Strummula, dalla Direzione Didattica Edmondo De Amicis e dal Centro Diaconale La Noce, grazie al sostegno della Chiesa Valdese tramite i fondi Otto Per Mille.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento