"Carini, sottoscritto accordo per il canone concordato"

Importante intesa fra i rappresentanti di categoria dei proprietari e degli inquilini: anche cercare casa sarà più facile.Tantino (DB) “Al di là delle formule ‘faremo’, ‘diremo’,’probabilmente avverrà’ vogliamo parlare al presente”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un tavolo di concertazione voluto fortemente da Luca Tantino, del Direttivo regionale di Diventerà Bellissima, quello di oggi fra i rappresentanti dei proprietari di casa (nella persona dell’architetto Enrico Vivona dell’associazione Casa mia) e degli inquilini (nella persona della signora Antonella Troia dell’associazione Ania). L’incontro è culminato con la sottoscrizione di un accordo bilaterale per l’applicazione del canone concordato.

Cos’è il canone concordato. “Tra le diverse tipologie di contratto è quello a canone concordato il più conveniente dal punto di vista fiscale sia per l’inquilino che per il proprietario. Capire come funziona, quali sono i requisiti e cosa si intende per canone concordato è fondamentale per tutti i proprietari di immobili ma anche per chi cerca casa. Partiamo dal ricordare che ai contratti a canone concordato si applica, in specifici casi, la cedolare secca del 10%, il regime di tassazione sostitutivo Irpef che, per le altre tipologie di locazioni, è pari al 21%.

La cedolare secca è soltanto una delle agevolazioni previste. Nel caso in cui il proprietario non scegliesse di aderire al regime opzionale della cedolare secca, è prevista la riduzione del 30% della base imponibile Irpef e, in ambedue i casi, le agevolazioni fiscali riguardano anche l’IMU e la TASI”. L’applicazione del canone concordato passa, tuttavia da due momenti opzionali (o l’uno, o l’altro): l’approvazione a maggioranza del Consiglio comunale, o la protocollazione dell’accordo che risulta più agile e snella. La mediazione di Tantino è andata in questa seconda direzione, ragion per cui dalle prossime ore basterà un accordo vistato: “Al di là del ‘faremo’, del ‘diremo’, del ‘probabilmente avverrà’ vogliamo parlare al presente per restituire all’azione politica quella forza di proposizione e concerto con le parti sociali, economiche, produttive e con gli stessi cittadini”. Da questa opportunità trarranno giovamento oltre a proprietari e inquilini, anche coloro che cercano casa, ma non solo. “Anche se Carini non è sede universitaria, o di distaccamenti universitari - continua Tantino - i progetti Ri.med, importante polo di ricerca già in fase di attuazione e Ismett 2 (co-finanziato dalla Regione e dall’Università di Pittsburgh), ripreso dal Presidente Musumeci e che prevede 250 posti letto, saranno sicuramente Centri di studio, specializzazione e master che porteranno nel territorio studenti universitari e specializzandi. Quindi anche per loro sarà più facile trovare casa a delle condizioni vantaggiose”. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento