Il carcere Pagliarelli cambia nome: sarà intitolato a un poliziotto

Si tratta di Antonio Lorusso, appuntato della polizia penitenziaria assassinato il 5 maggio del 1971 in via Cipressi insieme con il procuratore Pietro Scaglione

Dopo la visita effettuata nei giorni scorsi al carcere Pagliarelli, durante le festività il Partito Radicale sarà ancora presente in alcuni istituti penitenziari italiani. “In questi giorni di festa – ha dichiarato Rita Bernardini della presidenza del Partito Radicale – è particolarmente importante essere vicini alla comunità penitenziaria tenuta ancora così lontana dai principi costituzionali basati su una pena che non umili la dignità della persona e che sia improntata alla rieducazione e al reinserimento sociale. Oggi, dopo l’approvazione da parte del Governo della Riforma dell’Ordinamento penitenziario, riforma che dovrebbe essere meno carcerocentrica e più indirizzata alle pene alternative, possiamo forse portare un po’ di speranza in quei luoghi dove spesso la disperazione prende il sopravvento”.

Intanto il carcere dei Pagliarelli è pronto a cambiare nome: sarà intitolato ad Antonio Lorusso, appuntato della polizia penitenziaria assassinato il 5 maggio del 1971 in via Cipressi insieme con il procuratore Pietro Scaglione. Venerdì alle 11 la cerimonia di intitolazione. Antonio Lorusso era nato a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari, il 22 agosto del 1929, aveva 42 anni, era sposato e aveva due bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento