rotate-mobile
Cronaca

Capodanno e polemiche, Alessandra Salerno: "Grave inefficienza del Comune"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Si tratta dell'ennesimo caso di inefficienza da parte del Comune di Palermo e di una commissione 'artistica' designata a prendere una delle decisioni più importanti dell'anno a livello di spettacolo e di turismo, ma che di organizzazione di eventi e spettacolo ne sa probabilmente molto poco". E' quanto si legge in una nota ufficiale di Alessandra Salerno, direttore artistico di Panormus Music Circus in merito all'organizzazione del Capodanno.

"Panormus Music Circus concepito dalla mente del direttore artistico Alessandra Salerno era il progetto vincitore del Capodanno 2017 a Palermo in piazza Castelnuovo (Politeama) presentato dall'agenzia di spettacoli Agave. Si tratta - si legge - di un progetto che aveva al suo interno lo special guest Rocco Hunt, che alla vigilia dei risultati pubblicati, dopo settimane di attesa, ha preso un impegno per la notte di Capodanno a Roma al Raimbow Magic Land. Si tratta dell'ennesimo caso di inefficienza da parte del Comune di Palermo e di una commissione 'artistica' designata a prendere una delle decisioni più importanti dell'anno a livello di spettacolo e di turismo, ma che di organizzazione di eventi e spettacolo ne sa probabilmente molto poco. Il bando infatti ogni anno esce dopo la seconda metà di novembre, tempistica già molto risicata per ideare e realizzare lo spettacolo della notte più importante dell'anno. Gli artisti nazionali infatti si trovano già quasi tutti impegnati, e fare delle scelte di qualità e coerenza artistica è molto difficile. Quest'anno l'ennesimo aggravante: due piazze, tempi lunghi ingiustificati da parte della commissione di valutazione dei progetti, e una comunicazione data in ritardo che si è rivelata fatale. Il 18 dicembre la graduatoria di Piazza Castelnuovo era già pronta, per qualche incomprensibile motivo, la commissione, guidata dal capoarea alla cultura Sergio Forcieri, ha voluto aspettare una settimana per comunicarne l'esito. Il 23 dicembre a soli otto giorni dalla notte di Capodanno è stata pubblicata la tanto attesa e tardiva graduatoria. E così, la proposta costruita da A. Salerno e presentata da Agave Spettacoli vince per merito ma cade per la mancanza dell'artista 'big' che solo giorno 20 dicembre si impegna in un altro posto dopo avere atteso fino all'ultimo momento una risposta da Palermo. Palermo aveva già perso una grande occasione, quella del capodanno in diretta Mediaset, che al comune sarebbe costato anche meno dell'operazione delle due piazze, e avrebbe portato grande visibilità a livello nazionale e turismo per tutta la città e adesso perde uno spettacolo di spessore artistico all'altezza di show televisivi".

"L'esperienza televisiva a The Voice of Italy e la lunga gavetta tra il mondo della moda e la musica  - si legge ancora nella nota - sono state fondamentali alla mia formazione, e alla mia crescita personale e artistica, avevo concepito uno spettacolo con una sua sceneggiatura, per me non era solo un contenitore dove mettere artisti scelti a caso, mi ero immaginata una vera e propria filosofia di spettacolo, all'altezza della notte più coinvolgente dell'anno. Nel Progetto 'Panormus Music Circus', che racchiude in sè la filosofia del circo, del sud e dell'integrazione oltre a Rocco Hunt, salentino verace giovane artista di grande spessore, scelto per le sue doti di trascinatore e orgoglioso del dialetto del sud c'erano: Sergio Friscia e Roberta Giarrusso alla conduzione, Stefano Piazza inviato dal pubblico, i Frequenze Retrò, Alessio Bondì, Doudou Diouf e gli Africa Gengu, Alessandra Salerno, Dario Caminita al djset, il tutto arricchito da scenografie viventi tra fuochisti, ballerini, giocolieri per ricreare la suggestione di un "Folk Circus", sorprese per il pubblico e la diretta di Radio Action con gli speaker di spicco della città. Il capoluogo siciliano da anni è emblema di disorganizzazione e scelte scorrette. In un momento in cui si parla di 'Palermo capitale dei giovani 2017', i giovani continuano a fuggire all'estero per realizzarsi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno e polemiche, Alessandra Salerno: "Grave inefficienza del Comune"

PalermoToday è in caricamento