Capitano Ultimo lancia l'operazione "Girasole": l'Italia si riempie di fiori per Dalla Chiesa

Il generale e i suoi valori continuano a vivere nel cuore degli italiani onesti e semplici che quest'anno, nel giorno del suo assassinio, lo hanno commemorato da Nord a Sud deponendo un girasole nelle vie o piazze a lui intitolate

Un girasole per il generale Dalla Chiesa ad Amatrice

Con l'operazione “Girasole" lanciata dal Capitano Ultimo il 3 settembre l’Italia da Nord a Sud ha commemorato il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la sua giovane moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo. Il girasole era il fiore preferito dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, e come lui, nella sua semplice fisicità rappresenta l’essere onesto e retto. Tantissimi i volontari che hanno accolto l’invito di Ultimo a ricordare diversamente il Generale, barbaramente trucidato mentre serviva la collettività, deponendo un girasole nelle vie o piazze a lui intitolate.

“All’inizio l’idea mi sembrava folle - spiega un volontario - ma poi ho notato come le nostre chat si siano animate di tante persone che volevano aderire all’iniziativa. E così giorno 3 settembre, oltre le normali commemorazioni istituzionali, i veri protagonisti sono stati i cittadini di ogni età, che hanno dimostrato con la loro azione che il generale è vivo”.

I cittadini che hanno contribuito all’iniziativa hanno superato i tanti intoppi della vita quotidiana per realizzarla, in nome della semplicità e nel silenzio. Sono infatti tantissime le foto che mostrano come grandi e piccini hanno commemorato il generale Dalla Chiesa in tutta Italia: dal bimbo che suona il tamburello sotto la targa di via dalla Chiesa a Galatina (Le), al padre di Amatrice che ha perso i suoi figli nel terremoto e che si è inventato una via apponendo un cartello al palo pur di commemorare Dalla Chiesa, non essendocene attualmente una dedicata a lui in quella terra martoriata dalla natura. E ancora, la signora anziana a Brescia in carrozzella che ha voluto indossare l’abito della festa perché il generale non va pianto ma ricordato per i suoi valori che in tanti ancora portano avanti come i volontari del Centro internazionale di documentazione sulla mafia e del movimento antimafia (C.I.D.M.A.) di Corleone che hanno contribuito all’iniziativa. E poi Alice , la bambina di Udine che dopo aver ascoltato la storia del Generale dalla mamma ha voluto disegnare il girasole “fronte-retro - ha spiegato la piccola Alice - perché così se c’è il vento, si vede sempre”, sino a chi si è recato a Parma sulla sua tomba.

disegno girasole-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento