"Non sono autorizzati né sicuri", sequestrati oltre 4 mila articoli in un emporio cinese a Capaci

Cartine e filtri erano stati messi in vendita senza l'ok dei Monopoli. Mascherine e prodotti vari per l'elettronica erano privi di etichette informative e standard di sicurezza. La Guardia di finanza ha multato il titolare del negozio ed ha disposto la chiusura dell'attività

Sequestrati dalla Guardia di finanza più di 3 mila articoli per fumatori (cartine e filtri) messi in vendita in un emporio di Capaci senza l'autorizzazione dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Al titolare del negozio, un soggetto di nazionalità cinese, stati inoltre sequestrati altri 1.021 accessori per la persona, 135 mascherine chirurgiche e vari prodotti per l'elettronica, privi di etichette informative e degli standard di sicurezza previsti dalla normativa europea.

E' questo il bilancio dell'attività di controllo economico del territorio disposto dal comando provinciale della Guardia di finanza di Palermo, eseguito nel caso specifico dalla tenenza di Carini. I finanzieri hanno multato il commerciante e hanno disposto la chiusura dell'attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento